Crisi dell'Impero romano: cause della caduta

Appunto inviato da gattino8
/5

Schema sulla crisi dell'Impero romano e le cause della sua caduta (3 pagine formato doc)

CRISI DELL'IMPERO ROMANO: CAUSE DELLA CADUTA

Crisi dell'impero romano: schema - LA CRISI DELL'IMPERO IV sec d.C.

EPOCA TARDOANTICA caratterizzata da: mutamenti demografici, insediamenti dei popoli germanici mutamenti economici; crisi del commercio internazionaleù religiosi; affermazione del Cristianesimo sociale; crisi demografica e regresso della vita cittadina politici; scomparsa dell'Impero romano come stato unitario l'impero romano si era ormai sgretolato ( strade impraticabili, minaccia dei regni barbarici) la forza dominante ora sono i barbari convertiti al Cristianesimo, poiché i cristiani riuscirono ad assimilarli fine della pax romana i cristiani accetarono di incorporare nel loro sistema culturale l'eredità classica forma classica, contenuto cristiano.

Crisi dell'Impero romano: mappa concettuale

CRISI IMPERO ROMANO CAUSE

Le regioni dell'Europa centerale e dettentrionale si trovavano oltre il limes oppure erano considerate terre di confine perché la vera vita si svolgeva nel Mediterraneo. Nel periodo tardoantico però l'asse centrale si spostò dal centro verso il nord a causa dell'ingresso nella storia di popolazioni fino ad allora rimaste ai margini.

Ciò determina la fine dell'unita dell'Impero romano. Con Diocleziano si ritrova la stabilità: impossibile riportare le condizioni dell'Impero Romano alle origini (prima della crisi) così.

Crisi dell'Impero romano del III secolo: riassunto

CRISI E CADUTA DELL'IMPERO ROMANO

Diocleziano diventa un MONARCA con POTERI ASSOLUTI e attua le seguenti riforme: riforma esercito: venne aumentato il numero delle legioni e diminuito quello dei legionari, per evitare che il comandante potesse effettuare colpi di stato Esercito diviso in due parti: truppe di frontiera, risiedevano oltre il limes e truppe di combattimento, risiedevano nelle retrovie. Riforma istituzionale: potere spartito tra i due Augusti che nominano due Cesari, i quali sono i successori degli Augusti TETRARCHIA Territorio diviso in 12 diocesi raggruppate in 4 regioni ognuna delle quli presieduta da uno dei 4 tetrarchi. 4 province poste ai confini, quindi Roma era la capitale solo morale dell'impero romano perché aveva perso d'importanza Riforma fiscale: in campagna le terre vennero divise in jugum (pezzi di terreno).

Il crollo dell'Impero romano: riassunto