Francia di Luigi XIV: riassunto

Appunto inviato da flori
/5

Francia di Luigi XIV: riassunto della storia del governo e l'Assolutismo di Luigi XIV e dell'evoluzione della Francia (3 pagine formato doc)

FRANCIA DI LUIGI XIV: RIASSUNTO

La Francia di Luigi XIV.

Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV: Nel 1643 alla morte di Luigi XIII, la moglie Anna d’Austria assunse la reggenza del trono di Francia in nome del figlio Luigi XIV, di appena 5 anni. Venne retto al potere l’italiano cardinale Giulio Mazzarino(1602-1661), e che condusse una politica tesa a rafforzare l’assolutismo regio. Egli però incontro l’opposizione del Parlamento e della nobiltà, infatti dovette affrontare tra il 1648 e il 1649 una violenta rivolta del parlamento di Parigi, successivamente tra il 1648 e il 1652 una rivolta della nobiltà.
I due movimenti, detti rispettivamente Fronda parlamentare e Fronda nobiliare furono superati, il primo grazie all’esercito ed il secondo per la reazione popolare. Fu cosi che, dopo aver dovuto lasciare Parigi insieme alla corte,Mazzarino poté rientrare nella capitale, dove governò fino alla sua morte 1661.

La Francia del Re Sole: riassunto


PERCHE' LUIGI XIV E' CHIAMATO RE SOLE

Dopo aver sconfitto la rivolta delle Frode, si dedicò alla politica estera,vinse la guerra contro la Spagna. Vinse, infatti, grazie all’aiuto dei puritani inglesi di Cromwell con il generale francese Henri de la Tour che riuscì a battere l’esercito nemico nella cosi detta “battaglia delle dune” 1658, nelle Fiandre. Ed impose alla Spagna la pace dei Pirenei 1659 e la Francia poté così riprendersi il Rossiglione, la Cerdagna, l’Arttois e alcune città delle Fiandre.
La pace dei Pirenei segnava l’inizio di una politica di collaborazione tra Parigi e Madrid, rafforzata dal matrimonio di Luigi XIV con Maria Teresa(figlia di Filippo IV di Spagna) ma lo sposo rinunciava a qualsiasi diritto sulla corona spagnola.

Luigi XIV: riassunto


LA FRANCIA DI LUIGI XIV

Assolutismo del re sole. Nel 1661, alla morte di Mazzarino, Luigi XIV assume la guida del governo. Il suo regno durò fino al1715, è fu caratterizzato da continue guerre e da una politica espansionistica nei confronti soprattutto nei confronti del’Olanda e della Spagna. Il sovrano pose fine al cosiddetto”regime ministeriale” e governò praticamente da solo, accentrando tutti i poteri nelle proprie mani, quindi attivo una politica di assolutismo. Riteneva di essere sovrano per diritto divino e non per volontà del popolo e governava in maniera rigida e assoluta per i propri interessi e non per il bene generale dei sudditi. Nego qualsiasi autonomia agli stati generali ( parlamento parigino formato da clero, nobiltà e borghesia) che non vennero più convocati dal 1614 al 1789.