I regni romano-barbarici, lo schema

Appunto inviato da michi88
/5

Schema riassuntivo sui regni romano-barbarici: cultura e società, etnia, religione e politica (2 pagine formato doc)

REGNI ROMANO-BARBARICI: SCHEMA RIASSUNTIVO

I regni romano-germanici.

Civiltà Occidentale. Cultura e società: erano società molto barbare, primitive e bellicose che grazie alle migrazioni di massa diedero origine a nuovi regni chiamati romano-barbarici. Addirittura lo storico tacito definì i Longobardi “i più barbari tra i barbari”. Etnie: gli imperi romano- barbarici erano formati da genti Slave, Bulgare, Avare e Longobarde.
Religione: gli imperi romano – barbarici subirono dapprima l’influenza della chiesa romana che, nell’epoca delle invasioni, dovette riempire il vuoto di potere che si era creato. Il vescovo di Roma, il papa, assunse vere e proprie funzioni di governo a Roma e nei territori circostanti. Papa Gregorio Magno convertì al cattolicesimo i Longobardi e gli angli e consolidò il potere politico della chiesa. Il re dei Longobardi, Liut Prando, donò al papa il castello di Sutri, che fu il primo nucleo dello stato della chiesa. I papi però per resistere alle pressioni longobarde dovettero più volte ricorrere ai Franchi. Poi con l’avvento dell’islam molte genti si convertirono alla nuova religione.

I regni romano-barbarici: schema riassuntivo

REGNI ROMANO-BARBARICI: RIASSUNTO

L'impero bizantino. Civiltà Centro-Orientale. Cultura e società: nell’Impero bizantino presero grande importanza l’esercito e la burocrazia a causa delle guerre difensive alle quali andò in contro alla sua nascita. Il re Eraclio aveva restituito la mansione di contadini soldato (stratioti) poiché a causa della guerra gotica le casse statali si erano quasi del tutto svuotate. Etnie: in oriente, dopo la morte di Giustiniano, l’Impero Romano d’Occidente diventò, l’Impero Bizantino e fu soggetto a  crescente grecizazione della società. Religione: la religione bizantina è cristiana.  Con l’avvento della religione cristiana si fondarono vari ordini religiosi come ad esempio il monachesimo: di cui il fondatore è San Benedetto, che basò questa pratica su una sua regola: ora et labora. I monasteri si diffusero in tutta l’Europa occidentale e divennero punti di riferimento importanti per chiunque cercasse protezione, lavoro e istruzione. I monaci favorirono con la loro opera di amanuensi la conservazione delle opere degli autori antichi greci e latini.

REGNI ROMANO-BARBARICI: CARATTERISTICHE

L’Islam. Civiltà Islamica. Cultura e società: la popolazione araba era semi nomade e abitava sia le coste a nord dell’Arabia , chiamata Arabia felix a causa della sua fertilità, sia il deserto , chiamato Arabia  petra per la sua sterilità. Dopo la morte di Maometto la società islamica si divide in due fazioni apposte, esistenti anche ai giorni nostri: 1.    Sunniti: che appoggiavano i discendenti diretti del profeta (come Alì). 2.    Sciiti: che sostenevano la candidatura al governo di uno dei discepoli di Maometto. Etnie: l’islamismo nasce in Arabia avendo come proseliti una popolazione semi nomade dedita all’agricoltura , all’allevamento e al commercio. Religione: inizialmente la popolazione arabica era di religione politeistiche aveva come dio dominante e comune a tutte le tribù beduine cioè Allah. Nel 507 d.C. alla Mecca nacque Maometto. Egli rimase orfano dei genitori si dalla nascita e venne allevato dallo zio mercante. Durante i suoi viaggi Maometto rimase affascinato dalla religione monoteista praticata dagli ebrei e dai cristiani, anche se quella che lo affascinò maggiormente fu l’ebrea a causa della sua rigidità. Intorno ai 40 anni Maometto iniziò a professare una nuova religione monoteista dettatagli dall’arcangelo Gabriele. La nuova religione professava un completo rapporto di sottomissione da parte del fedele verso il dio, questo rapporto è detto islam. Allah, unico dio, non può essere definito ne rappresentato.