Gli stati regionali in Italia

Appunto inviato da splendidamia
/5

Schema sulla situazione degli stati regionali nel XIV secolo (2 pagine formato doc)

Gli stati regionali in Italia

Nel corso del XIV secolo nei comuni italiani del'area padana ricomparve la tendenza alla formazione di signorie personali che avviarono la costruzione di più ami stati regionali, caratterizzati dalla polarizzazione del dominio territoriale intorno ad una città principale:

MILANO: Successione per decenni tra Della Torre e Visconti , che ottengono il potere dal 1277 al 1447:

-impongono il proprio potere dinastico

-si affermano sull'intera Lombardia, fino a raggiungere, per brevi periodi, anche il controllo di Bologna e Genova

Gian Galeazzo Visconti nel 1378:

-rende ancora più vasto il suo potere territoriale, fino a Pisa, Siena, Lunigiana e Perugia

-nel 1395 ottiene il titolo ereditario di duca di Milano

-inseritosi nella lotta tra Scaligeri e Carraresi, prevale su Verona

-contrastato anche dal papa per il dominio su Firenze, sconfigge nel 1402 i fiorentini ed entra a Bologna

-muore il 3 settembre dello stesso anno a causa della peste

VENEZIA:  Nel 1400 si trovava alla testa di un considerevole impero marittimo (costa dalmata, isole ionie, basi militari e commerciali in Grecia, molte delle isole Egee, colonia a Costantinopoli r base della Tana nel man Nero).

Nel 1405 la sua politica segue un nuovo orientamento, per contrastare l'espansionismo visconteo (controllo delle strade commerciali) ed arabo (prodotti alimentari): controllo della terraferma:

-nel 1428 conquista Padova, Vicenza, Verona, Brescia, Bergamo

.