Palestina: storia

Appunto inviato da magrissimq
/5

Riassunto sulla Palestina e sulla questione palestinese (3 pagine formato doc)

PALESTINA STORIA

La Palestina. La Palestina in ebraico Peleshet e in latino Palaestina è un’antichissima regione fisica e storica dell’Asia occidentale, affacciata sul Mar Mediterraneo e situata fra la catena montuosa del Libano a nord, il deserto del Negev a sud ed il deserto giordano-siraco ad est.
Abitata fin dai tempi preistorici ed occupata dagli Ebrei 2000 anni fa, la Palestina, dopo alterne vicende finì sotto la dominazione romana.

Con la distruzione di Gerusalemme nel 70 d.C. ad opera dell0imperatore Tito, intervenuto duramente per reprimere le rivolte ebraiche, il popolo ebreo si disperse (la diaspora) mentre la Palestina, venne inglobata dall’Impero Romano d’Oriente e in seguito sotto il dominio araba appena scalfito dalle Crociate in epoca medievale (XI-XIII secolo).

Palestina: storia e geografia

PALESTINA STORIA BREVE: LA QUESTIONE PALESTINESE

Nel 500 la P.

fu incorporata nell’Impero Ottomano che la vessò con continue ed esose imposizioni tributarie.
Dopo l’inutile tentativo di conquista napoleonica nel 1799, la P entrò progressivamente nella sfera d’influenza britannica e al termine della I G M la GB controllò l’area attraverso una specifica amministrazione.
L’origine dell’annosa “questione palestinese“ risale proprio alla politica inglese in questa regione, politica definita del doppio binario, perché la GB favorì il rientro in Palestina degli Ebrei perseguitati in Europa ma nello stesso tempo incoraggiò il movimento sionista per poterlo pii usare contro l’emergente indipendentismo arabo. Il sionismo un movimento politico- religioso a livello mondiale con l’obiettivo di ricostruire in P la patria di tutto il popolo ebraico sparso nel modo.
Durante la I GM la GB con la dichiarazione Balfour del 17, appoggiò il nazionalismo ebraico in Palestina e nel 1922, favorì il rafforzamento politico della comunità ebraica, ma quasi contemporaneamente nel 21 assecondando l’indipendentismo arabo creò la Transgiordania. Proprio questo “ doppio gioco” causò le peggiori condizioni politiche per la coesistenza in Palestina del mondo arabo e di quello ebraico: già durante la Grande guerra la P divenne il teatro di scontri tra esercito anglo francese e quello turco germanico dall’altro.

Israele e Palestina: storia

STATO DI PALESTINA: STORIA

Con l’ascesa al potere del nazismo in Germania, il flusso migratorio ebraico in P crebbe a dismisura e nel 37 l’Inghilterra propose la spartizione della regione in 3 stati: uno arabo, uno ebraico e uno sotto mandato nella zona di Gerusalemme, ma le risposte furono negative. I britannici, con il solito opportunismo, nel 39 promisero che entro 10 anni sarebbe stato creato uno Stato palestinese indipendenti ma intanto le frontiere furono chiuse all’immigrazione ebraica. Questo fatto provocò la lotta armata contro gli inglesi mentre erano già in atto gli scontri fra la comunità araba e quella ebraica.
Al termine della II GM il progetto per la creazione di uno Stato ebraico indipendente in P ebbe l’appoggio degli USA, ma incontrò la netta opposizione dei Paesi Arabi. Dopo un ulteriore, fallito progetto angli- americano, l’ONU intervenne con una nuova proposta di spartizione del Paese in due Stati con il mantenimento di un0amministraizone fiduciaria a Gerusalemme ma gli arabi risposero con violenza.
Il 14 maggio 48 terminata l’amministrazione britannica della p fu proclamato lo Stato d’Israele e in quello stesso anno fu fondato il Regno di Giordania nel territorio della Transgiordania sul quale la GB aveva rinunciato al suo protettorato.
Con tale situazione politica era inevitabile lo scontro armato arabo- israeliano che, infatti, divampò e si concluse con la vittoria d’Israele che si accaparrò anche + territori di quelli ordinariamente stabiliti dall’ ONU nel 47.