Alessandro Magno: riassunto

Appunto inviato da ceciliabarabaschi
/5

Alessandro Magno: riassunto sul re di Macedonia conosciuto anche come Alessandro il Grande, Alessandro il Conquistatore o Alessandro il Macedone. La distruzione di Tebe, la spedizione in Oriente, il crollo dell'impero persiano, la spedizione in Italia e il progetto politico di Alessandro (3 pagine formato doc)

ALESSANDRO MAGNO: RIASSUNTO

Alessandro il Grande (conosciuto anche come Alessandro il Grande, Alessandro il Conquistatore o Alessandro il Macedone).

Alessandro Magno salì al trono a soli 20 anni ma grazie all’educazione eccellente che il padre Filippo aveva voluto per lui scegliendo come suo maestro il più grande filosofo dell’epoca Aristotele,  la sua formazione culturale era greca.
Il suo coraggio e la sua volontà fecero di Alessandro Magno un idolo per tutto il suo esercito infatti già a Cheronea, la battaglia decisiva contro gli ateniesi ed i tebani fu vinta grazie alla carica della cavalleria capeggiata da Alessandro allora solo diciottenne.
Anche altri successi militari nella guerra contro i persiani furono decisivi grazie all’abilità di Alessandro che combatteva sempre in prima fila.
Fu più volte ferito gravemente e durante la battaglia del Granico, nella Frigia, (334 a.C.) fu circondato dai nemici persiani e fu salvato dall’amico Clito.
Clito sarà ucciso dallo stesso Alessandro qualche anno dopo per avergli rimproverato di essere diventato un despota.
Alessandro morì a soli 33 anni ma il suo modo di vedere al politica sarà del tutto innovativo e ripreso successivamente  dallo stato romano.

Riassunto breve su Alessandro Magno

ALESSANDRO MAGNO IMPERO

La distruzione di Tebe. Alla morte di Filippo alcune città come Atene e Tebe credettero che fosse  giunto il momento di liberarsi dei macedoni e di riconquistare la libertà.

La risposta di Alessandro fu terribile, in pochi giorni con il suo esercito conquistò Tebe e la distrusse completamente, salvando solo la casa del poeta Pindaro, come omaggio alla sua memoria (335 a.C.) e gli abitanti (30.000 circa) furono venduti come schiavi.
La distruzione di Tebe  cancellò immediatamente ogni volontà di ribellione da parte dei greci ed i sostenitori del partito macedone ritornarono al potere in ogni polis.

Alessandro Magno e Macedonia: riassunto

ALESSANDRO MAGNO: CONQUISTE

La spedizione in oriente. Nel 334 a.C. Alessandro Magno partì dalla Grecia con il suo esercito composto da 30.000 soldati e 5.000 cavalieri, in gran parte greci, al comando di  generali macedoni ed accompagnato da scienziati, medici, cartografici, filosofi, storici e uomini di cultura che dovevano testimoniare le sue imprese.
Il primo scontro avvenne vicino al fiume Granico, nella Frigia dove l’esercito macedone vinse e tutte le città ioniche vennero sottratte al dominio persiano.
L’anno successivo (333 a.C.) l’esercito persiano, sotto il comando di Dario III si scontrò con i macedoni a Isso in Cilicia.
Fu una lunga battaglia e si concluse quando la cavalleria macedone, al comando dello stesso Alessandro, assalì la guardia del Gran Re.
Dario III scappò, lasciando al nemico il tesoro imperiale e la sua famiglia e l’esercito persiano si arrese.

Alessandro Magno: tesina

ALESSANDRO MAGNO: RIASSUNTO BREVE

Alessandro Magno decise quindi di  impadronirsi delle regioni sulla costa:
-    attraversò la Siria
-    la Fenicia dove rimase a lungo impegnato contro la capitale Tiro che rifiutava di arrendersi fino alla sua conquista,
-    poi proseguì verso l’Egitto dove fu accolto come un liberatore.
In Egitto dove era considerato un discendente dei faraoni, sulla foce del Nilo, fondò una città, Alessandria.