Arabi e l'Islam: riassunto

Appunto inviato da camicamicamicami
/5

Gli Arabi, l'Islam e il suo fondatore Maometto: riassunto (4 pagine formato doc)

ARABI E ISLAM

Gli arabi, Maometto e l'Islam.

L’Arabia preislamica. In seguito alla predicazione di Maometto, una nuova religione monoteistica si affacci al mondo: l’islam. Apparentato con il cristianesimo e l’ebraismo, strettamente connesso con la politica e le istituzioni, esso darà unità al mondo arabo. L’Arabia è una vastissima penisola grande circa un terzo dell’Europa, nel 570, quando nacque Maometto era un mondo del tutto periferico.
Confinava a nord con l’impero bizantino (cristiano), a est con l’impero persiano, a sud ed ovest con il mar rosso. Le piogge erano quasi nulle, il territorio era desertico con qualche oasi. Le risorse principali erano la pastorizia (Dromedari e qualche pecora e capra) e il commercio sulle lunghe distanze. A queste attività si dedicavano il popolo dei beduini, che conducevano una vita nomade. Questo popolo orgoglioso, non si era mai dato una struttura statale. Vivevano in gruppi di famiglie, detti clan; i clan amici, avevano antenati in comune, questi clan si riunivano in una tribù.

Il conflitto tra Islam e Occidente: riassunto

L'IMPERO ARABO ISLAMICO, RIASSUNTO

Spesso c’erano scontri tra i clan, con azioni di razzie, se qualcuno rimaneva ucciso seguivano vendette e nuovi attacchi. Non essendoci uno stato, non c’erano leggi in comune e qualcuno che le facesse rispettare.  Accanto alla pastorizia il commercio sulle lunghe distanze, offriva a questa gente una risorsa per vivere. Percorrendo le piste carovaniere, dal sud dell’Arabia fino al nord, si fermavano alle oasi più grandi dove con il tempo sorsero i primi centri urbani. I mercanti carovaniere avevano contatti con le civiltà esterne e con le altre religioni, specialmente ebraica e cristiana. Il centro più grande era la città della Mecca (in arabo Makka), qui vivevano alcuni clan di ricchi mercanti, i più noti erano i Quraysh, da loro discenderà Maometto. La popolazione che viveva in questa città conduceva una vita diversa dai beduini del deserto, ma erano tenute ai margini della società dalle famiglie più ricche, quindi furono più disponibili ad abbracciare nuovi modelli di vita ed ideali. Infatti proprio a loro si rivolgeranno le prime prediche di Maometto.

MAOMETTO

Sul piano religioso, prima di Maometto, gli Arabi erano politeisti. Nella sola Mecca si prestava culto a 360 idoli, spesso identificati con corpi celesti e pietre sacre. La pietra più importante era la KA’BA, o pietra nera conservata alla Mecca, un grosso frammento di meteorite. Intorno a questa pietra sorge il santuario della KA’BA, ogni anno meta di pellegrinaggio, questo culto era detto pan arabico, cioè riconosciuto dal tutte le tribù, indipendentemente dal loro culto religioso. Oltre alla pietra nera, le tribù beduine veneravano statue, immagini e pietre sacre, tra queste anche icone (immagini sacre di Gesù e di sua madre Maria). Cominciava però ad emergere l’idea di uno spirito più alto, chiamato Allah (il Dio).