L'ascesa di Roma nel IV secolo a.C.

Appunto inviato da ceciliabarabaschi
/5

L'ascesa di Roma (8 pagine formato doc)

Roma conquista Veio

L’espansione romana fuori dal Lazio ebbe inizio nel 396 a.C.
con la conquista della città etrusca di Veio che le contendeva il controllo del Tevere. Questa espansione fu subito interrotta da un popolo che rischiò di spezzare sul nascere la potenza romana: i Celti (o Galli).

UN PRODIGIO GUIDA I ROMANI ALLA CONQUISTA DI VEIO (Clicca qui >>)


I celti provenienti dall’Europa nord-occidentale si insediarono nella Pianura Padana alla ricerca di nuove zone coltivabili.
Tutta la regione delle Alpi e degli Appennini , tranne la Liguria e una parte del Veneto, cadde nelle mani dei Celti.
Qui fondarono Milano (Midland cioè città nel mezzo della regione), Torino, conquistarono la principale città etrusca a sud del Po, Felsina e la chiamarono Bologna.


STORIA ROMANA (Clicca qui >>)


Dalla Pianura Padana i Celti, sotto la guida di Brenno, si diressero verso l’Etruria giungendo fino ai confini del Lazio.
Nel 390 a.C. presso il fiume Allia sconfissero i Romani, entrarono in Roma, la saccheggiarono  e si ritirarono solo dietro il pagamento di un riscatto.

GLI IMPERATORI DI ROMA (Clicca qui >>)


Nonostante ciò nel IV secolo la potenza romana sottomise tutte le città del Lazio.
Il divario culturale tra Roma e le altre città italiane era fortissimo perché Roma era erede della civiltà etrusca e di quella greco-italiaca).