Avvento del fascismo: riassunto

Appunto inviato da cessoo
/5

La situazione in Italia che ha favorito l'avvento del fascismo: riassunto per tesina (2 pagine formato doc)

AVVENTO DEL FASCISMO: RIASSUNTO

Il crollo dello stato liberale e l’avvento del fascismo.

Dopo la sua espulsione dal partito socialista, Mussolini aveva continuato la sua politica attraverso il quotidiano “Popolo d’Italia” di cui era fondatore e proprietario. Il programma iniziale dei fasci prevedeva l’estensione del suffragio alle donne e la giornata lavorativa di otto ore.
In realtà si trattava di un programma di Demagogia che nascondeva sotto una verità diversa,cioè un movimento antisocialista. Inizialmente il movimento fascista occupò una posizione marginale nella politica italiana,ma nell’autunno del 1920 esso acquisì un carattere sempre più aggressivo fino alla nascita delle squadre d’azione fasciste. Questo passaggio decisivo avvenne nelle campagne,dove furono i proprietari terrieri cioè gli agrari a stroncare il movimento contadino,questa reazione fu causata dalle conquiste ottenute dai braccianti e dai mezzadri.

Avvento, affermazione e caduta del fascismo: riassunto

IL DOPOGUERRA IN ITALIA E L'AVVENTO DEL FASCISMO: RIASSUNTO

Le squadre fasciste erano formate da giovani e da ex combattenti che si muovevano preferibilmente di notte,prelevando dalle loro case i militanti socialisti,uccidendoli,minacciando e svergognandoli davanti a tutti. Queste violenze aumentarono di intensità nel corso del 1921 e del 1922,arrivando anche all’occupazione di intere città. L’atteggiamento delle forze dell’ordine e della magistratura fu poco deciso,anche perché vi era una complicità di spirito antisocialista,quindi i fascisti poterono agire senza contrarsi con le forze dell’ordine. Dalla fine della guerra al primo governo Mussolini,cioè dal novembre 1918 all’ottobre 1922,si susseguirono sei diversi governi che evidenziava l’instabilità politica italiana. Con le elezioni del 1919 il Partito socialista e il Partito popolare avevano conquistato la maggioranza in parlamento;ma queste due forze erano troppo distanti per potersi alleare così nacque un’alleanza tra nazionalisti e fascisti. I fascisti si presentarono all’interno di blocchi nazionali,cioè in liste comuni ottenendo 35 seggi.

L'avvento del Fascismo in Italia: riassunto

IL DOPOGUERRA IN ITALIA E L'AVVENTO DEL FASCISMO: TESINA

Dopo questa elezioni si aprì una fase di instabilità perché il parlamento risultò frazionato e instabile. Mussolini approfittò di questa instabilità politica trasformando il movimento fascista in una forza politica,così nel novembre 1921 nacque il Partito nazionale fascista. Il suo programma prevedeva la diminuzione dei poteri del parlamento,esaltava la competizione fra le nazioni dando un’impronta conservatrice e nazionalista. Al congresso di Livorno tenutosi nel 1921 un gruppo di dirigenti dell’ala del partito di sinistra si distaccò dando vita al Partito comunista d’Italia. Una seconda scissione si ebbe nel 1922 tra riformisti e massimalisti;i riformisti diedero vita al Partito socialista unitario che ebbe come segretario G.Matteotti. Ma maturavano anche profonde divergenze all’interno del partito popolare dove la destra conservatrice si orientò a favore di un’alleanza con Mussolini in funzione antisocialista. Nell’estate del 1922 Mussolini giudicò maturi i tempi per un’azione di forza. La cosiddetta marcia su Roma ebbe inizio alla fine di ottobre con l’occupazione di uffici pubblici e il 28 ottobre le colonne fasciste mirarono verso la capitale. Dal punto di vista militare i fascisti non avrebbero potuto fronteggiare l’esercito italiano,ma questo non problema non vi fu,perché il re Vittorio Emanuele III rifiutò di firmare lo stato d’assedio per difendere Roma.