La Belle époque in Europa

Appunto inviato da auroralovelydoll
/5

riassunto dalla belle èpoque alla Prima guerra mondiale (1 pagine formato doc)

La Belle époque in Europa.

L’Europa della Belle èpoque - Inizio Secolo – Le inquietudini della modernità
Molte divisioni attraversavano il continente. C’era l’Europa centro-occidentale e mediterranea degli stati nazionali e quella centro-orientale degli imperi multinazionali dove era in pieno sviluppo l’opera di nazionalizzazione delle masse. Solo nei grandi imperi (asburgico, russo e ottomano) la presenza di nazionalità diverse alimentava dei conflitti.

Leggi anche Belle èpoque e Prima guerra mondiale

C’era poi l’Europa liberale e quella autoritaria. L’Europa del 1900 era quasi completamente monarchica e costituzionale - parlamentare.
Solo la Francia e la Svizzera erano repubblicane, ad eccezione della Russia, dominata dall’assolutismo zarista.
Alcune tensioni interne riguardavano l’Alsazia e la Lorena, regioni al confine franco – tedesco che alimentava il revanscismo, ovvero una rivincita da parte di francesi dopo la sconfitta subita nella guerra con la Prussia nel 1871; la questione del Trentino e di Trieste, in mano all’impero austro – ungarico e rivendicata dagli irredentisti italiani.

Leggi anche contesto storico della belle èpoque

Ma erano la competizione economico – politica fra le maggiori potenze e la concorrenza sul terreno coloniale a rappresentare l’elemento più forte di divisione.
La Prima crisi marocchina venne provocata da una visita di Guglielmo II al Sultanato del Marocco. Con questa azione la Germania prendeva posizione a favore dell'indipendenza del Marocco che era minacciata dalla Francia. Essa tenne testa alla Germania e la crisi venne affidata alla conferenza di Algeciras, del 1906, in cui la Germania fu isolata e la Francia migliorò la propria posizione aumentando la sua influenza sul Marocco.