Carlo V e la Riforma protestante: riassunto

Appunto inviato da fiordja
/5

L'impero di Carlo V e la Riforma protestante di Lutero: riassunto (2 pagine formato doc)

CARLO V E LA RIFORMA PROTESTANTE

Carlo V e la Riforma protestante. Muore Massimiliano I di Asburo, e il nipote Carlo V, già Re di Spagna, viene eletto imperatore (1519 – 1559) e unificando sotto il suo potere un immenso impero, dove si dice “non tramonta mai il sole” (territori Asburgici con Austria, Carinzia, Stiria, Tirolo e Carniola con Trieste, quella di Borgogna con le Fiandre e quelle di Castiglia e di Aragona, con il regno di Spagna, con tutti i territori del Nuovo Mondo e del regno di Napoli e di Sicilia) Diventa il sovrano più potente di Europa.

L'impero di Carlo V e la Riforma protestante: riassunto

RIVOLTA DEI CAVALIERI

Il protestantesimo: 1517

  • Carlo V voleva restaurare un regno unificato cristiano e santificato, ma l’unità dei cristiani viene rotta dalla Riforma Protestante.
  • Germania, 31 ottobre 1517 Martin Lutero, frate agostiniano, formula il testo delle sue 95 tesi, dove critica aspramente la i vari emissari papali che concedevano l’indulgenza divina, ai fedeli che versavano elemosine destinate alla riedificazione della basilica di S.
    Pietro.
  • M.
    L. Viene accusato di eresia ma si difende a Lipsia in una disputa pubblica, dove condanna la dissoluzione della Chiesa, la sua corruzione, e l’inutilità del Papato.
  • Viene condannato eretico da Papa Leone X nel 1520.
  • Viene difeso dai principi tedeschi, che chiedono di poterlo giudicare secondo la dieta dell’Impero. Viene bandito dall’Impero con l’editto di Worms (1521) ma si salva grazie al principe di Sassonia, che inscena un finto rapimento. (castello Wartburg).
  • La Riforma di Lutero, si diffonde rapidamente, e molti altri principi dell’Impero vi aderiscono.
  • M. L. affida a loro il compito di attuare il rinnovamento della Chiesa, ma questi se ne approfittano, appropriandosi dei beni Ecclesiastici, sopprimendo conventi e monasteri.
  • Questa protesta sociale, di piccola nobiltà e massa dei contadini, assume una connotazione religiosa, provocando l’irritazione di Lutero.
  • 1521/1522 la piccola nobiltà, animata dagli ideali della Riforma, organizza bande armate che assalgono i beni della grande aristocrazia. Lutero appoggia i principi che sconfiggono i “Cavalieri” (piccola nobiltà).
  • M. L. condanna il ricorso alla violenza, e afferma che le autorità temporali devono essere rispettate.
  • 1524/1525 vi è la rivolta dei contadini (condannata da Lutero) in Germania meridionale, che vorrebbero abbattere tutte le autorità sia ecclesiastiche che laiche Le bande di rivoltosi vengono massacrate.

Martin Lutero e Riforma protestante: riassunto

L'IMPERO DI CARLO V E LA RIFORMA: RIASSUNTO

Guerra franco-asburgica I fase:

  • Gli Asburgo e la Francia si scontrano per il controllo dell’Italia, formata solo da piccoli stati regionali.
  • Nel 1521 Carlo V con l’appoggio del Papa, si impossessa del ducato di Milano, insediandovi a capo Francesco II Sforza, ma i francesi, guidati da Francesco I occupano la Savoia e il Piemonte, riconquistando poi Milano.
  • Le truppe dell’Impero, si rifugiano a Pavia, dove vengono attaccate dai francesi, ma quando arrivano i rinforzi, dalla Germania, i francesi vengono sconfitti. Francesco I viene fatto prigioniero. (accade nel 1525).
  • A Francesco I viene concessa la libertà, in cambio dell’impegno a cedere Milano e la Borgogna, e a lasciare come garanzia i suoi figli in ostaggio.
  • Una volta libero però non mantiene il patto, e facendo leva sulla paura che gli stati italiani avevano nei confronti della troppa potenza di Carlo V, stringe con Venezia, Firenze, papa Clemente VII Medici, Milano e Genova la Lega di Cognac.
  • Militarmente debole, la coalizione non riesce ad impedire che le truppe dell’Impero raggiungano Roma e la saccheggino, imprigionando il Papa. A Firenze i Medici vengono scacciati e viene instaurata la Repubblica, mentre i francesi riconquistano Milano e Napoli.