Cause dello scoppio della Seconda guerra mondiale

Appunto inviato da ejonarexhepi
/5

Cause Seconda guerra mondiale: sintesi delle dinamiche che hanno portato alla scoppio del conflitto mondiale (2 pagine formato doc)

CAUSE SECONDA GUERRA MONDIALE

1935-1938, verso la Seconda guerra mondiale. Dopo il 1933, Hitler ritira la delegazione tedesca dalla Conferenza di Ginevra sulla limitazione degli armamenti: questo fatto provoca un distacco ancora maggiore della Germania dal sistema internazionale, aggravato anche dal ritiro tedesco dalla Società delle Nazioni.
Dal 1934 viene affrontata anche la questione austriaca: l’Austria, una repubblica di nuova formazione, entra nelle mire dei nazisti, che vogliono annetterla all’Impero tedesco.

Viene quindi assassinato dai nazisti austriaci il cancelliere austriaco Dolfuss, in un tentativo di impadronirsi del potere; il piano salta per l’intervento delle altre nazioni, Italia in testa, che minacciano l’intervento militare: Hitler prende le distanze dagli autori del tentato colpo di Stato.

Nel 1935, Italia, Francia e Gran Bretagna si riuniscono a Stresa e condannano il riarmo tedesco. In questa conferenza, l’Italia si schiera al fianco degli alleati, ma, dopo la conquista dell’Etiopia, cambierà schieramento. Nello stesso anno, la Germania riesce ad annettere la Saar, una regione tedesca che era stata occupata dalla Francia e che ritorna alla Germania dopo un plebiscito (90% dei votanti).

Seconda guerra mondiale: cronologia, battaglie e protagonisti

CAUSE SECONDA GUERRA MONDIALE SINTESI

Dall’altra parte, le potenze vincitrici della Prima Guerra Mondiale si legano ancora di più: nel 1934, la Russia entra nella Società delle Nazioni e si allea ufficialmente con la Francia. Viene convocato anche il VII Congresso del Comintern (III Internazionale), in cui la Russia decide di accantonare le politiche socialiste per concentrarsi soprattutto sulla lotta al fascismo: si tratta di un’apertura importante verso gli schieramenti più moderati, come la social-democrazia. Si apre così una collaborazione con le forze politiche anche borghesi che rappresentavano il socialismo nel resto d’Europa: inizia la fase dei governi di fronte popolare, una collaborazione tra il bolscevismo e le forze democratiche di sinistra europee.
Tra il ’34 e il ’38, Hitler compie altri passi verso la guerra occupando la Renania, che doveva restare, secondo il trattato di Versailles, zona smilitarizzata. Nel 1936, per risolvere la questione austriaca dopo l’uccisione di Dolfuss, Hitler si accorda con l’Austria, promettendo di non intervenire nella politica austriaca ma togliendo il bando alla presenza del partito nazista in Austria: la situazione si dirige sempre più verso l’annessione dell’Austria al Terzo Reich.
Per quanto riguarda l’Italia, Mussolini inizia ad avvicinarsi alla Germania nel 1936, anno in cui Mussolini lascia il ministero degli Esteri a favore di Galeazzo Ciano: si tratta di un personaggio che vede di buon occhio un avvicinamento alla Germania, tanto che tra i due Paesi verrà stretto un trattato di amicizia, l’Asse Roma-Berlino. L’Asse viene stabilito in piena guerra civile spagnola, tanto che Italia e Germania riconosceranno subito il governo di Franco.

Seconda guerra mondiale: cause

LE VERE CAUSE DELLO SCOPPIO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

Le regole dell’Asse prevedevano la lotta al bolscevismo, il riconoscimento del desiderio tedesco di espansione e la legittimazione delle conquiste coloniali italiane.
Sempre nel 1936, la Germania firma con il Giappone un Patto Anti-Comintern: nella I Guerra Mondiale il Giappone era stato avversario della Germania, ma negli anni seguenti aveva espresso mire di conquista nei confronti della Cina, attraverso una politica autoritaria, aggressiva e militarista. Il Giappone, nel 1931, aveva occupato la Manciuria, un territorio cinese a ovest di Shanghai, che era già stato conteso anche dalla Russia; viene creato uno Stato satellite giapponese e la Cina faticherà a reagire a causa dei conflitti interi tra i due partiti principali. Anche il Giappone, pertanto, portava avanti politiche simili a quelle degli Stati dell’Asse, ai quali si affianca in questo periodo.

Seconda guerra mondiale: cause e conseguenze