Dal congresso di Vienna al 1860

Appunto inviato da gionacapurso
/5

Riassunti utili per ripassare in vista degli esami di stato il programma di storia. Vanno dal congresso di vienna fino al 1860. Da portare anche alla terza prova se lo si desidera :) (2 pagine formato docx)

Dopo la sconfitta militare della Francia l’Europa si trovò radicalmente sconvolta nelle sue frontiere e nei suoi equilibri politici, sociali ed economici.
Per riassettare l’Europa ci si servì di due criteri:  “legittimità” ed “equilibrio”.
Si cercò infatti (per quanto riguarda il primo principio) di reinsediare sul trono i sovrani scalzati da Napoleone.

LA RESTAURAZIONE E IL CONGRESSO DI VIENNA (Clicca qui >>)


Per quanto riguarda il secondo si cercò di formare una nuova cartina geografica Europea che bilanciasse la situazione. La realizzazione di questa cartina si svolse durante il congresso di Vienna(1814/15).
Per assicurarsi che i confini venissero rispettati ci si servì di un sistema di alleanze formato dalla Santa Alleanza (Russia, Prussia, Austria) e dalla quadruplice alleanza. Fu molto più complesso ripristinare gli equilibri politico/sociali negli stati che erano stati scossi dalla rivoluzione Francese.

DAL CONGRESSO DI VIENNA ALL'UNITA' D'ITALIA (Clicca qui >>)


Infatti molte conquiste della rivoluzione furono mantenute e le stesse classi e dirigenti che si occupavano della restaurazione alle volte erano divise tra moderati e reazionari. Nella penisola italiana la restaurazione fu improntata duramente.  Così nacque un terreno fertile per  le società segrete, che si battevano per la libertà dei cittadini(carboneria, massoneria). In questo periodo vi fu un clima di repressione e violenza.

DAL CONGRESSO DI VIENNA AI MOTI DEL '48 (Clicca qui >>)


I moti del 20    

Nell’età della restaurazione il dissenso delle classi popolari si espresse attraverso le società segrete. Queste società formarono una opposizione politica segreta al regime politico vigente. Di solito si sviluppavano in ambienti militari e anche se non era prevista la partecipazione diretta delle masse popolari esse potevano comunque appoggiare dall’esterno i moti proposti da queste società segrete.