Dalla crisi del III secolo a Diocleziano

Appunto inviato da ericavanessaann
/5

Sintesi degli eventi principali da Massimino a Diocleziano (4 pagine formato doc)

235: l'esercito proclama imperatore Massimino, detto 'il Trace' dal nome della regione in cui è nato; è il primo imperatore di origini umili ed è privo di cultura; si impegna in diverse campagne militari lungo i confini settentrionali; muore nel 238, vittima di una congiura senatoria.

238-284: lunga fase di anarchia militare; i due poteri fondamentali dello stato (senato ed esercito) non riescono a trovare un equilibrio; il potere passa di mano in mano determinando una profonda incertezza istituzionale; tale situazione ha ripercussioni disastrose sull’economia (si aggrava la crisi iniziata nel secolo precedente) e sulla sicurezza (i popoli stranieri violano continuamente il limes e devastano i territori lungo i confini); si susseguono 21 imperatori.


Fattori della crisi: 1.Spese militari; 2.Aumento della pressione fiscale, soprattutto sui contadini;3.
Scarsità della forza lavoro da impiegare nei campi dovuta all’arruolamento forzato; 4.
Progressiva svalutazione monetaria; 5.Frequenti epidemie di peste; 6.Carestia
Popolazioni straniere: dall’Europa del Nord: Germani; Dall’Europa Centrale: Goti (più che di invasione si dovrebbe parlare di un continuo flusso migratorio di ‘’gente affamata e disposta a tutto’’); da Oriente: Parti (arrivano perfino ad occupare Antiochia in Siria)