Crisi del primo dopoguerra in Europa e in Italia

Appunto inviato da kikkathebest92
/5

La radicalizzazione della lotta politica - Una difficile situazione economica - Il “biennio rosso”: lotte sociali e conquiste sindacali - La questione fiumana - La nascita del Partito popolare - Le elezioni del 1919: il successo di socialisti e cattolici - La fine del “biennio rosso” (3 pagine formato doc)

LA CRISI DEL DOPOGUERRA IN EUROPA ED IN ITALIA

Il difficile dopoguerra europeo

Gli anni dell'immediato dopoguerra in Europa furono attraversati da una lunga crisi economica e sociale : inflazione , spese militari , riconversione dell'industria e disoccupazione aprirono un periodo di difficile assestamento.
In primo luogo era una crisi di legittimazione delle istituzioni liberali prebelliche (veniva meno il riconoscimento del popolo che durante la guerra era stato maggiormente coinvolto ) , l'Europa del dopo guerra era più democratica ma non era detto che questo si traducesse in un rafforzamento delle istituzioni parlamentari.

La radicalizzazione della lotta politica

Si diffusero così ideologie politiche che rifiutavano una politica basata sulla mediazione e sul compromesso come : nazionalismo , sindacalismo rivoluzionario (Sorel) , il socialismo rivoluzionario.

La soluzione autoritaria

Gli esiti di questa crisi europea furono :

  • La Francia e la Gran Bretagna conservarono istituzioni liberal-democratiche trovando soluzione in stabilizzazione democratica
  • Nell'Europa mediterranea e centro orientale si sono invece affermati regimi non democratici.
    In particolare in Germania ed Italia (caratterizzata da formazioni statuali recenti ) le classi dirigenti hanno percorso la soluzione autoritaria.
Il paradosso italiano

La vittoria italiana suscitò le più grandi speranze , ma il dopoguerra mise anche in luce tutta la fragilità delle istituzioni liberali italiane , i limiti della classe dirigente , la separatezza tra masse popolari e stato. Le tensioni del dopoguerra sfociarono in Italia in una crisi di sistema che non produsse una variazione della classe dirigente bensì la sua caduta con l'instaurazione della dittatura.