L'Europa nella Belle Epoque

Appunto inviato da scioui
/5

Dall'illusivo benessere europeo alle contraddizioni che porteranno alla prima guerra mondiale (4 pagine formato pdf)

Guglielmo II e il <<nuovo corso>>:La fine del cancellierato Bismarck(1890) parve una svolta alla politica interna tedesca.

Il <<cancelliere di ferro>> cadde soprattutto per la vittoria socialdemocratica(1890).Guglielmo II annunciò un <<nuovo corso>> e criticò le leggi speciali antisocialiste.

La continuità degli equilibri di potere:L'imperatore mostrò però una inclinazione autoritaria e una gestione personale del potere.Cambiò solo il fatto che nessun cancelliere dopo Bismarck,riuscì a imporsi al potere imperiale.

I cancellieri continuarono a governare al di sopra dei partiti,a render conto dell'operato all'imperatore anziché al Parlamento.

La Weltpolitik:A fine '800,la Germania imboccò la Weltpolitik(politica mondiale) e avviò il riarmo navale,rinsaldando l'alleanza fra la casta agraria e militare degli Junker e la grande industria.

Industria dominata dai cartelli e dalle grandi imprese,con uno sviluppo teconologico e produttivo paragonabile solo all'industria statunitense.Tale superiorità spinse la nazionalismo e all'imperialismo.

Pur essendo ricca di risorse naturali,la Germania,non essendo un grande impero
coloniale,aveva una disponibilità di materie prime inferiore agli Stati Uniti,alla G.Bretagna,alla Russia..