Francia, Germania, Inghilterra e Russia durante la seconda metà dell'Ottocento

Appunto inviato da lexya96
/5

Organizzazione politica ed economica delle principali nazioni europee (Francia, Germania ed Inghilterra) e della Russia, durante la seconda metà dell'Ottocento (2 pagine formato doc)

UNIFICAZIONE DELLA GERMANIA - Nella seconda metà dell’Ottocento, nella Confederazione germanica ebbe notevole seguito il nazionalismo pangermanista che, basatosi sull’idea di una Kulturnation (nazione culturale), cioè di una solidarietà linguistica, aspirava all’unità di tutti i popoli di lingua tedesca.
Tuttavia a queste istanze nazionaliste, si contrapponevano le aspirazioni federaliste di Stati forti che si attribuivano pari dignità rispetto a quello prussiano e difendevano la loro autonomia.
Ebbe forte valenza politica lo Zollverein, l’Unione doganale estesa a tutti gli stati della Confederazione (esclusa l’Austria), che costituì anche un importante fattore di sviluppo per ciò che concerne le ferrovie e le industrie.

Leggi anche Tesina terza media sulla Germania

Punto di forza di questo rapido sviluppo furono i giacimenti di ferro e carbone del bacino della Ruhr, che erano i più estesi del continente.

L’incremento dovuto all’aumento delle estrazioni dei due minerali, diede un impulso all’industria meccanica che fu alla base di quella ferroviaria, di quella tessile e di quella chimica.

Leggi anche Ricerca sulla Germania

Con l’introduzione di nuove tecniche si assistette ad un incremento anche della produttività agricola.
Questo rapido sviluppo fu sostenuto essenzialmente dall’impresa privata e diede vita ad una nuova classe sociale: quella borghesia capitalista ed imprenditoriale che era stata il motore della rivoluzione industriale in Inghilterra.

.