La gloriosa rivoluzione: riassunto

Appunto inviato da cinquo95
/5

La gloriosa rivoluzione, o seconda rivoluzione inglese: riassunto dettagliato delle cause e conseguenze (2 pagine formato doc)

LA GLORIOSA RIVOLUZIONE: RIASSUNTO

La “Gloriosa Rivoluzione” e la nascita del parlamentarismo britannico
Dalla Restaurazione Stuart alla “Gloriosa Rivoluzione
Nel 1660 Carlo II riprende uno stile di governo assolutistico, e un atteggiamento filo cattolico, orientamento verso il quale è spinto anche dall’accordo diplomatico con Luigi XIV di Francia.
Nel 1672 Carlo II emana la Dichiarazione di Indulgenza con la quale riconosce ai cattolici il diritto a ricoprire cariche pubbliche.
Nel 1673 il Parlamento risponde con il Test Act, una legge che esclude i cattolici da tutte le cariche civili e militari e con un 2° Test Act nel 1678 che proibisce l’accesso dei cattolici in Parlamento.
Le tensioni tra sovrano e Parlamento vengono alimentate pure dalla possibilità della successione al trono di Giacomo II Stuart, fratello di Carlo II, che si è addirittura convertito al cattolicesimo.
Contro la successione si dichiarano i parlamentari protestanti, detti Whig, mentre a favore della successione sono i cosiddetti Tory.
Nel 1680 gli Whig avanzano una proposta di legge per escludere Giacomo II dalla successione al trono ma la proposta viene bloccata dalla Camera dei Lord e così Giacomo II diventa re.

La prima rivoluzione inglese: riassunto


SECONDA RIVOLUZIONE INGLESE: RIASSUNTO

Salito al trono Giacomo II emana una nuova Dichiarazione di Indulgenza che abolisce i Test Acts.
Il Parlamento rifiuta la ratifica del decreto e Giacomo II lo scioglie.
Questa volta i maggiori leader sia Whig sia Tory decidono di risolvere la situazione invitando a intervenire lo stadhouder d’Olanda, Guglielmo III d’Orange, marito di Maria Stuart.
Guglielmo accetta e, a capo di un esercito, arriva in Inghilterra nel 1688 mentre il re di Francia, Luigi XIV non manda gli aiuti promessi.
Egli viene accolto positivamente dalla popolazione e numerosi capi dell’esercito inglese disertano e passano al suo fianco.
Giacomo II allora fugge in Francia senza combattere e il Parlamento offre la corona a Guglielmo III d’Orange che l’accetta (Gloriosa Rivoluzione perché incruenta a differenza della Sanguinosa Riv.).
Nel 1689 scoppia in Irlanda un’altra rivolta antinglese. I leader della rivolta invitano Giacomo II a recarsi sull’isola per tentare di separarla dal Regno d’Inghilterra.
Giacomo II vi si reca ma con l’intenzione di riconquistare il suo regno.
Il tentativo fallisce perché anche Guglielmo d’Orange sbarca sull’isola e nel 1690 batte sul fiume Boyne l’esercito irlandese di Giacomo Stuart.
Giacomo fugge di nuovo in Francia e la rivolta irlandese viene domata.
Il potere del nuovo re era già stato fissato nel 1689 quando il Parlamento inglese, offrendo la corona a Guglielmo d’Orange, gli aveva fatto sottoscrivere il Bill of Rights (Legge dei diritti).
 

Prima e seconda rivoluzione inglese: riassunto della guerra e cause

GLORIOSA RIVOLUZIONE: CONSEGUENZE

La nascita della Gran Bretagna. Dopo la Gloriosa Rivoluzione il Parlamento sebbene conservi rituali e norme, si presenta come il rappresentante virtuale di tutto il popolo.
Questa pretesa di rappresentanza globale mette il Parlamento in condizione di dialogare col sovrano da una notevole posizione di forza anche se il re conserva ancora diverse prerogative (politica estera, guida esercito, nomina ministri).
Poiché Guglielmo d’Orange non ha figli, nel 1701 il Parlamento approva una norma (Act of Settlement) che impedisce a un cattolico di succedere al trono (per evitare la successione del figlio di Giacomo II) e quindi alla morte di Guglielmo III è Anna Stuart a diventare regina d’Inghilterra.
Sotto il suo regno il Parlamento approva gli Acts of Union che stabiliscono l’unione di Inghilterra, Galles e Scozia in un unico Parlamento con sede a Londra.
Nel 1714 con la morte della regina Anna si conclude l’era Stuart. Diventa re di Gran Bretagna un tedesco, Giorgio I Hannover.