Guerra del Peloponneso: schema

Appunto inviato da paolopollastrini46
/5

Guerra del Peloponneso: cause e scoppio della guerra, le tre fasi e la situazione di Atene dopo la sconfitta. Schema riassuntivo sulla Guerra del Peloponneso (1 pagine formato pdf)

GUERRA DEL PELOPONNESO: SCHEMA

Cause: La Guerra del Peloponneso si ha verso la fine del V secolo a.C.

e può essere considerata come una guerra civile tra Greci. Le sue conseguenze furono terribili. In base ad un accordo fra Sparta ed Atene, Atene avrebbe dovuto mantenere il dominio sulle isole del Mare Egeo e Sparta sulle città del Peloponneso. Si erano formate anche due lege: la lega di Delo con a capo Atene e la lega del Peloponnneso con a capo Sparta.
Tuttavia, Atene voleva diventare sempre più potente ed ingrandire il proprio territorio: per questo si scontrava con le città alleate con Sparta.
Scoppio della guerra: La scintilla che fa scoppiare la guerra è data dal contrasto fra Corinto e Magara, alleate a Sparta e Corfù, allegata con Atene. Atene non vede il momento di intervenire ed impone delle condizioni molto pesanti alle due città spartane,m condizioni che non ritira nemmeno di fronte all'intervento armato di Sparta. La guerra scoppia nel 431 a.C. e dura 27 anni: dal 431 al 404 a.C.

Guerra del Peloponneso: schema riassuntivo

LE FASI DELLA GUERRA DEL PELOPONNESO

Prima fase (431 - 421 a.C.) termina con la pace di Nicia: Sparta, che ha un forte esercito, desidera uno scontro aperto con Atene; invece, il piano di Atene è diverso: pensa di vincere Sparta impedendo che essa possa rifornirsi
di viveri e quindi costringerla ad arrendersi. Sparta invade la regione di Atene e mette a ferro e fuoco la campagna tutta intorno. Nel frattempo, ad Atene scoppia una terribile peste che uccide il 25% della popolazione.
Tuttavia, la città resiste grazie alle sue mura e ai rifornimenti che vengono dal mare. Anzi, arriva perfino ad attaccare via mare le coste del Peloponneso, ma Sparta non è vinta. Dopo la battaglia di Anfipoli, del 422 a.C., Sparta ed Atene firmano la pace di Nicia (421 a.C.) e si ritorna alla situazione di 10 anni prima.

Le fasi della guerra del Peloponneso: riassunto

GUERRA DEL PELOPONNESO: CAUSE

Seconda fase (421 - 413 a.C.) vittoria di Sparta: Nonostante la pace di Nicia, sia Sparta che Atene vogliono riprendere la guerra e non intendono rispettare gli accordi che prevedono la restituzione delle città occupate da entrambe. Ad Atene, il partito di coloro che vogliono riprendere la guerra è capeggiato da Alcibiade, nipote di Pericle, morto durante la peste. Alcibiade è un giovane molto bello, che sa parlare bene e quindi è capace di convincere gli altri. E'anche ambizioso e disonesto. Così nel 418 a.C. la guerra riprende. Nel 415 a.C., la città di Segesta, in Sicilia, chiede ad Atene di aiutarla per difenderi contro Siracusa, alleata di Sparta. Alcibiade è ben felice di intervenire perché pensa di approfittarne per impadronirsi delle ricchezze della Sicila.