Liberismo economico: riassunto

Appunto inviato da santoroud
/5

Le teorie del liberismo economico di Adam Smith, le prime organizzazioni operaie e la questione sociale e gli effetti negativi dell'industrializzazione (5 pagine formato doc)

LIBERISMO ECONOMICO

Liberismo economico. Industrializzazione e sviluppo tecnico e scientifico.
Il progresso industriale ed economico verificatosi in Inghilterra nella seconda metà del 700, varco i confini dell'isola nella prima metà del secolo successivo e si diffuse principalmente in Belgio,Francia,Germania (malgrado i severi divieti imposti dalle autorità britanniche all'esportazione delle macchine).

Nell'800 si verificò nel continente una profonda trasformazione dell'economia che portò all'affermazione della borghesia nella società. Prima erano i nobili ad avere il controllo della società, ora invece era emersa una nuova classe più intraprendente e attiva: LA BORGHESIA.
(Grazie anche alla politica di Napoleone che aveva favorito la crescita delle strutture industriali e del commercio offrendo maggiore possibilità di sviluppo alla borghesia).
L'incremento demografico inoltre, fece aumentare la richiesta di PRODOTTI AGRICOLI favorendo così lo sviluppo dell'agricoltura (che divenne un fattore trainante dell'economia).

Tutto su Adam Smith

LIBERISMO ECONOMICO: RIASSUNTO

Ciò costituì uno stimolo AL PROCESSO DI TRASFORMAZIONE CAPITALISTICA DELL'AGRICOLTURA (anche se in molti altri Stati europei continuava a persistere sia la piccola proprietà contadina, che la grande proprietà nobiliare) . L'aumento del REDDITO AGRICOLO favorì una MAGGIORE CIRCOLAZIONE DEL DENARO, MIGLIORE TENORE DI VITA E PIù RICHIESTA DI PRODOTTI INDUSTRIALI. Tutto ciò favorì la classe dei ricchi proprietari a discapito dei piccoli possidenti e dei lavoratori agricoli (molti a causa della maggiore pressione fiscale preferirono abbandonare le campagne e andare a lavorare nelle industrie).
Lo sviluppo dell'industria assunse tempi e ritmi diversi in Inghilterra e negli alti paesi. Nel continente il processo di industrializzazione e di meccanizzazione inziò con parecchi decenni di ritardo, fu meno rapido e omogeneo. A determinare tali differenze furono le diverse proporzioni QUANTITATIVE E QUALITATIVE di fenomeni quali l'abbandone delle campagne, la borghesia, le miniere di ferro e carbone.. Da queste e da altre circostanze derivarono il rapido sviluppo del BELGIO, la lentezza iniziale della FRANCIA e l'enorme ritardo di moltissimi paesi..

Liberalismo: saggio breve

LIBERISMO ECONOMICO: ADAM SMITH

A contribuire in modo decisivo allo sviluppo dell'industria troviamo nuove invenzioni e scoperte. Si era creato infatti un nuovo rapporto tra scienza e tecnologia che aveva favorito lo sviluppo di nuovi procedimenti industriali: 1. La scoperta del CLORO ad opera di SCHEELE, mentre BERTHOLLET dimostrò le sue proprietà candeggianti e la utilizzo nell'industria tessile. 2. Il GAS ILLUMINANTE 3. FERTILIZZANTI CHIMICI ad opera di VON LIEBIG 4. CONFETTURE di Nicholas APPERT (studi sulla distruzione dei batteri della fermentazione) 5. PRODUZIONE DI SCATOLE DI LATTA PER LA CONSERVAZIONE DEI CIBI 1812 6. PRIME MACCHINE REFRIGERANTI E PER LA FABBRICAZIONE GHIACCIO (più scoperta della conservazione dei cibi mediante il freddo) 7. Celle FRIGORIFERE e navi capace di trasportare prodotti deperibili anche a grandi distanze. 8. Macchine per l'estrazione dello zucchero dalle barbabietole (favorendo così la distribuzione di un prodotto ad alto potere calorico e basso prazzo.)

Liberismo: definizione

LIBERISMO STORIA

Un'altro importante avvenimento che fece decollare l'industrializzazione fu lo SVILUPPO E AMMODERNAMENTO delle VIE DI COMUNICAZIONE. La rete ferroviaria e l'impiego della trazione meccanica resero sempre più rapido e meno costoso il trasporto delle merci dai luoghi di produzione a quelli di vendita. Decisivo per la crescita dei commerci fu il miglioramento delle tecniche di pavimentazione stradale, che facilitò la sicurezza e la velocità degli spostamenti. Agli inzi dell'800 la migliore rete stradale era quella francese, grazie agli interventi napoleonici godeva di un efficientissimo stato di manutenzione. In Inghilterra invece erano malagevoli, praticabili in base al tempo e alle stagioni.