La Notte di Elie Wiesel: riassunto e commento

Appunto inviato da lilluzza91
/5

Riassunto e commento del romanzo di Elie Wiesel, La notte (1 pagine formato txt)

LA NOTTE ELIE WIESEL: RIASSUNTO

La notte di Elie Wiesel.

Riassunto. Drammatica e commuovente è la storia di Elie, oggi uomo di 80 anni, esattamente come quelle dei tanti altri ebrei costretti a vivere l'incubo dei campi di concentramento. Nel 1941 è ancora un semplice ragazzino dodicenne della comunità ebraica di Sighet, in Transilvania.

Vive in casa con la madre, le tre sorelle ed il padre, chiamato Shlomo, uomo colto, poco sentimentale e consultato spesso per le questioni pubbliche e private. Elie è un ragazzino profondamente religioso, avido dei misteri della Cabala e nutrito di talmud.

Trova nel factotum di una sinagoga chassidica, Moshè lo shammàsh, un saggio, fidato ed umile insegnante di Zohar, fino a quando questi viene espulso assieme agli altri ebrei stranieri della comunità.

Non se ne ha notizia fino alla fine del 1942, quando all'improvviso ricompare a Sighet.

Racconta di essere sfuggito ad una strage in una foresta di Galizia, presso Kolomaye, messo in atto dagli uomini della Gestapo, e di essere l'unico sopravvissuto. Nessuno, neppure il caro allievo Elie gli crede. Dunque scompare.

La notte di Elie Wiesel: trama e commento

LA NOTTE ELIE WIESEL: COMMENTO

La vita nella comunità continua imperturbata anche nonostante la giunta di notizie poco confortanti, quali la presa di potere da parte del partito fascista, e anzi, l'aria è satura di ottimismo e speranza: Radio Londra diffonde notizie di bombardamenti quotidiani sulla Germania di nuovi successi sul fronte russo ed avanzamenti da parte delle Armate Rosse.

L'inquietudine inizia a risvegliarsi solamente nel 1943, quando le truppe tedesche penetrano, in accordo col governo, prima nel territorio ungherese, poi in Sighet. Siamo nel periodo della Pasqua del 1944 e i tedeschi attendono la fine della festività per arrestare i capi della comunità ebraica, togliere tutti o quasi i diritti dei cittadini.

Poco dopo vengono creati due ghetti. La vita riprende, ma una sera il padre di Elie annuncia profondamente angosciato ai suoi concittadini che i due ghetti devono essere a mano a mano completamente liquidati. Il ragazzino e la sua famiglia lasciano la comunità il terzo giorno dopo la decisione, vengono fatti montare su di un convoglio di carri bestiame (ottanta per carro) e dopo circa una settimana di viaggio interminabile e di continue perquisizioni, giungono ad Birkenau, esausti, affamati ed assetati.

Arrivati al campo vengono divisi in uomini e donne. E' proprio in questo momento che Elie vede per l'ultima volta la madre e le tre sorelle. Un solo pensiero ha in mente, da ora fino alla fine della guerra: non perdere suo padre. Ma non ci riuscirà. Padre e figlio sfuggono insieme alla prima selezione, ma le fiamme del crematorio da cui sono scampati hanno consumato per sempre l'infanzia e la fede di Elie. Per la notte vengono fatti sistemare in una baracca, accolti da decine di detenuti che il giorno dopo, bastone alla mano, non smettono di colpire e dare ordini.

La notte di Wiesel: scheda libro