Paleolitico e Neolitico

Appunto inviato da nataliasemenenko
/5

Paleolitico e Neolitico (3 pagine formato docx)

1.
Paleolitico e Neolitico
Le più antiche tracce di presenza umana in Italia risalgono a 250000 anni fa. I primi gruppi umani vivevano all'aperto, verso la fine del Paleolitico iniziarono a costruire le prime capanne, a pianta quadrata. Il Neolitico iniziò in Italia nel VII millennio a.C. e si sviluppò prima nel sud della penisola, dove la popolazione introdussero l'agricoltura e l'allevamento.

DESCRIZIONE DELLE FASI DEL PALEOLITICO (Clicca qui >>)


Nell'Italia settentrionale si continuarono a praticare la caccia e la raccolta. La tecnica di lavorazione del rame si diffusero a partire dal III millennio a.C.
L'Età del bronzo

APPUNTI SULL'ARTE PREISTORICA (Clicca qui >>)


Il II mellinnio a.C.
fu caratterizzato dallo sviluppo delle tecniche di lavorazione del bronzo. In questo periodo si diffuse, in Trentino, Veneto e Lombardia, la cultura delle palafitte mentre in Emilia si diffuse quella delle terra-mare. Nell'area della Liguria, Piemonte e Toscana si trovavano i Liguri, una popolazione che sviluppò un'economia commerciale.

BREVE INTRODUZIONE AL NEOLITICO (Clicca qui >>)


2. Nell'arco del II millennio giunsero nella penisola italica le prime ondate migratorie di popolazione di origine indoeuropea. I primi a stanziarsi in Italia furono i Latini che si stanziarono tra il Tevere e i monti Albani e i Siculi. A partire dell'VIII secolo a.C. sulle coste dell'Italia meridionale e della Sicilia i Greci iniziarono a fondare le loro colonie e lo stesso fecero i Fenici in Sicilia e Sardegna.