Prima guerra mondiale: riassunto dettagliato

Appunto inviato da giuseppebrischetto91
/5

descrizione della situazione prebellica, lo scoppio del conflitto, primo anno di guerra (1914), l'Italia tra neutralità ed entrata in guerra, la guerra di logoramento, la svolta del 1917, fine del conflitto nel 1918, 14 Punti di Wilson, i Trattati di Pace, delusione dell'Italia e il bilancio della Guerra. Riassunto dettagliato della Prima guerra mondiale (5 pagine formato docx)

PRIMA GUERRA MONDIALE: RIASSUNTO DETTAGLIATO

La Prima Guerra Mondiale.

Situazione prebellica. Nel 1888 salì al trono di Germania Guglielmo II il quale adottò una politica decisamente più aggressiva rispetto al periodo bismarkiano. Egli si dedicò maggiormente all’espansione coloniale tedesca e al potenziamento dell’esercito e della marina, decisioni che preoccupavano Francia e Gran Bretagna; con quest’ultima la diplomazia tedesca aveva avviato un riavvicinamento politico verso fine secolo, ma le tensioni economiche e commerciali tra i due Paesi non furono mai definitivamente attutite e resero impossibile un più pieno sviluppo di relazioni amichevoli. Per quando riguarda l’espansione coloniale, nel mondo non vi erano più territori liberi dal controllo europeo, perciò ogni espansione di una potenza contrastava con gli interessi di un’altra potenza.

Prima guerra mondiale: riassunto delle cause e conseguenze


PRIMA GUERRA MONDIALE RIASSUNTO BREVE

Ma di fronte alla minaccia tedesca, si andavano consolidando i rapporti tra Francia e Inghilterra, anche grazie alla firma dell’Entenne Cordiale fra i due paesi, un accordo dove la Francia riconosceva il controllo britannico sull’Egitto mentre l’Inghilterra acconsentiva all’espansione francese sul Marocco.

Ma la Germania accolse con forte irritazione quest’accordo, perché anch’essa era interessata alla zona marocchina e così restava tagliata fuori dai progetti. Essa assunse un atteggiamento aggressivo facendo scoppiare la cosiddetta prima rivoluzione marocchina, dove l’imperatore Guglielmo II dichiarò che la Germania avrebbe garantito l’indipendenza marocchina contro qualsiasi minaccia esterna.  Si arrivò così alla conferenza di Algericas, dove però la Germania poteva contare solo su un poco convinto supporto austriaco, mentre la Francia era sostenuta dall’Inghilterra, Russia,  Italia e Spagna. La Francia ottenne così un protettorato sul Marocco, sconfiggendo la diplomazia tedesca.

Prima guerra mondiale: riassunto dettagliato della storia, cause e conseguenze


PRIMA GUERRA MONDIALE CAUSE RIASSUNTO

Nel 1907 si costituì una Triplice Intesa fra Russia, Francia e Gran Bretagna, contrapposta alla Triplice Alleanza di Germania, Austria e Italia, la quale era anche debole. Ma l’occupazione francese di alcune città marocchine fecero scattare la seconda rivoluzione marocchina, voluta dalla Germania. Un episodio particolare che fece aumentare le tensioni tra i paesi, fu quello di Agadir, dove una nave tedesca gettò l’ancora, pronta per riscattare il territorio. La Gran Bretagna reagì con estrema determinazione, dichiarando ufficialmente di aprire un conflitto a fuoco con la Germania se non avesse ritirato la propria nave. Successivamente nel 1911 si firmò un accordo franco-tedesco dove la Germania riconosceva il controllo francese sul Marocco in cambio di concessioni territoriali nel Congo francese.

Riassunto della Prima guerra mondiale


ORIGINI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE RIASSUNTO

La tensione internazione era ormai giunta all’apice; la crescita delle spese militari divenne l’obbiettivo dei vari stati europei. L’area di maggior tensione era la penisola balcanica, l’ex impero ottomano fronteggiato tra Russia ed Austria. L’Austria aveva annesso ad essa la Bosnia-Erzegovina, provocando le proteste della Serbia, che finirono per coinvolgere anche l’alleata Russia. Scoppiarono le due guerre balcaniche del 1912-13, ma ormai l’impero ottomano era soggetto di forti tensioni politiche, manifestate anche con la rivoluzione dei Giovani Turchi, un partito piccolo-borghese, nazionalista, che voleva abbattere l’assolutismo e formare un regime costituzionale parlamentare, seguendo le orme delle potenze europee.