Restaurazione e rivoluzioni: riassunto

Appunto inviato da dreamkiara
/5

situazione europea durante il periodo della Restaurazione (3 pagine formato doc)

Restaurazione e rivoluzioni: riassunto - Sconfitto Napoleone a Waterloo nel 1815, si chiudeva il periodo delle guerre tra la Francia rivoluzionaria e le monarchie europee.

Iniziava l’età della Restaurazione, ossia della ricostituzione del vecchio ordine europeo. Ma ciò non era in realtà possibile, dopo i mutamenti sociali, istituzionali e giuridici verificatisi nel venticinquennio precedente.

Leggi anche L'Europa della Restaurazione

Assai rilevanti furono, comunque, i mutamenti nella carta d’Europa sanciti dal congresso di Vienna (novembre 1814 – giugno 1815), per opera delle quattro maggiori potenze vincitrici (Gran Bretagna, Russia, Prussia, Austria) nonché della stessa Francia. Il principio di fondo seguito fu quello di “legittimità”, proposto da Talleyrand, rappresentante della Francia sconfitta, secondo cui dovevano essere restaurati i sovrani spodestati.
I resti del Sacro Romano Impero si dissolsero; la Russia prese la Polonia, mentre la Prussia la Sassonia; ciò che rimaneva dei paesi di lingua tedesca fu riunito in una Confederazione germanica sotto il comando austriaco.

Leggi anche L'età della Restaurazione: riassunto

L’impero asburgico, sotto la guida del Metternich, ottenne il Veneto che fu unito alla Lombardia formando così il Regno Lombardo-Veneto, ma perse il Belgio e il Lussemburgo, che uniti all’Olanda, formarono il Regno dei Paesi Bassi.