Resistenza Italiana: riassunto

Appunto inviato da cmolteni
/5

Resistenza italiana: riassunto degli avvenimenti a partire dallo sbarco di Sicilia nel '43 alla liberazione nazionale nel '45 (2 pagine formato doc)

RESISTENZA ITALIANA RIASSUNTO

La Resistenza italiana. La Repubblica di Salò - Il 10 luglio 1943 si ha lo sbarco in Sicilia degli angloamericani.

Gli alleati, accolti come liberatori (sintomo del non consenso al fascismo), iniziano a risalire la penisola. I tedeschi, nel frattempo, iniziano a scendere dal nord. Il sovrano Vittorio Emanuele III, che non aveva revocato l'incarico a Mussolini, per far sopravvivere la corona e la propria dinastia, inizia a organizzare un colpo di stato, che non sarà necessario perché Mussolini (sbarco, bombardamenti, caro-vita sulla popolazione) ha già perso totalmente il consenso della popolazione.
Il 24 e 25 luglio 1943 si tiene il Gran Consiglio del Fascismo che determina la sfiducia a Mussolini, firmato Grandi. I fascisti prendono questa decisione per salvare se stessi: non si vuole cambiare il regime, solo cambiare il capo.
Il giorno dopo Mussolini viene convocato dal re, che lo fa arrestare e portare in una prigione sul Gran Sasso, da cui sarà liberato a settembre dai Tedeschi, che lo aiuteranno a formare un nuovo governo, la Repubblica di Salò, i cui aderenti sono chiamati Repubblichini.

Tutto sulla Seconda guerra mondiale

LA RESISTENZA ITALIANA NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

Si tratta di un governo fantoccio nelle mani di Hitler per legittimare ciò che avverrà e sfruttare le risorse Italiane di cui Hitler si servirà. Hitler sceglie di liberare Mussolini perché il re ha dato il governo a Badoglio (non intende firmare ala una pace separata con gli Alleati).
I tedeschi sospettano di un tradimento italiano quindi scendono in Italia fino a Napoli. Il 3 settembre 1943 l'Italia firma un armistizio, l’8 settembre Badoglio dà l'annuncio della pace separata sottoscritta con angloamericani, ma senza dare direttive sul comportamento da tenere verso i tedeschi, provocando lo sbandamento dell'esercito, la cosiddetta “morte della patria”: i soldati lasciarono le caserme. Nel frattempo si organizzava La Resistenza dei partigiani.
Il 9 settembre i tedeschi occupano l’Italia fino alla Linea Gustav (sotto Roma) quindi il re con Badoglio si rifugiano a Brindisi sotto protezione degli alleati. Ciò è vergognoso. Nasce il Regno del Sud: si riorganizza l’esercito, chiamato il Corpo Italiano di Liberazione, che il 13 ottobre dichiara guerra all'esercito tedesco.

La resistenza in Italia dopo la Seconda guerra mondiale: riassunto

COS'E' LA RESISTENZA IN STORIA

Dopo la caduta il fascismo si forma il governo Badoglio e rinascono i partiti:
- Partito comunista: partito più forte dal punto di vista organizzativo perchè era rimasto in Italia clandestinamente durante il fascismo;
- Democrazia Cristiana: nasce sulle ceneri del Partito Popolare di Don Luigi Sturzo;
- Partito liberale: depurato;
- Partito socialista;
- Partito d’azione: eredi dell'organizzazione “Giustizia e Libertà” fondati dai fratelli Rossetti a Parigi.

Questi partiti prendono in mano l'organizzazione della Resistenza: i militari, per nascondersi dai nazisti, si rifugiano sulle montagne, dove organizzano attività di sabotaggio contro i nazisti. (Fosse ardeatine). Nasce il COMITATO DI LIBERAZIONE NAZIONALE per liberare dal nazismo e dalla Repubblica di Salò: si organizza in brigate che fanno capo a diversi partiti (Matteotti, Garibaldi, cattoliche). Ma il Comitato è fortemente anti monarchico, quindi organizza azioni anche contro i monarchici, perché la corona è ritenuta responsabile della crisi italiana.

La Resistenza partigiana e la liberazione: riassunto