Rivoluzione agricola e industriale: riassunto

Appunto inviato da disorderdivision
/5

Riassunto della rivoluzione agricola in Inghilterra fino alla rivoluzione industriale europea (4 pagine formato doc)

RIVOLUZIONE AGRICOLA E INDUSTRIALE

Dalla Rivoluzione agricola alla rivoluzione industriale. Anche la piu progredita agricoltura medievale, quella che impiegava la rotazione triennale, obbligava a lasciare incolto ogni anno un terzo del terreno arativo a causa della scarsità di concimi che dipendeva dall’insufficienza del bestiame e dalla limitata disponibilità di pascoli e foraggio.

Nelle regioni dell’Europa continentale la maggiore diffusione della rotazione triennale era di solito praticata nei villaggi detti a campi aperti (openfield).
La ragione principale della vitalità di questo sistema stava nel fatto che esso procurava ai contadini una quantità supplementare di foraggi e bestiame, consentendo il pascolo comune sulla porzione appena mietuta e destinata al riposo annuale. Ma nemmeno l’openfield riusciva a soddisfare il bisogno di terra necessaria all’allevamento del bestiame e doveva essere integrato da terre comuni lasciate incolte e ciò accresceva lo spreco della terra disponibile.

Rivoluzione industriale: riassunto

RIVOLUZIONE AGRICOLA E INDUSTRIALE: RIASSUNTO

Nel corso del Settecento in Inghilterra i prati artificiali andarono via via sostituendo i tradizionali pascoli comuni sui maggesi consentendo un accrescimento del bestiame. Al posto dell’alternanza fra semina e incolto periodico si ebbero avvicendamenti di diverse colture scelte seguendo la scienza agronomica sperimentale che aveva scoperto come mantenere e migliorare la fertilità del suolo. La scomparsa dei maggesi determinò un aumento della superficie coltivata e con l’abbondanza di foraggi si ebbero allevamenti piu numerosi che davano maggiori quantità di fertilizzanti naturali. Al pascolo brado si veniva sostituendo l’allevamento stabulare, dove il bestiame era tenuto in stalle o recinti. Questo tipo di associazione di allevamento e agricoltura richiedeva notevoli investimenti e poté realizzarsi nelle grandi aziende capitalistiche che nelle piccole proprietà.

Cause della Rivoluzione industriale

RIVOLUZIONE INDUSTRIALE: RIASSUNTO

Un importanze nesso fra rivoluzione agricola e quella industriale sta nel fatto che un’agricoltura sempre piu avanzata non poteva sussistere senza l’aiuto di attrezzi e strumenti di lavoro che venivano prodotti dalla nascente metallurgia industriale. Va tuttavia osservato che i progressi dell’agricoltura inglese furono principalmente di tipo agronomico mentre il ruolo delle macchine agricole fu molto limitato. Gli agronomi si preoccuparono anche di studiare la forma ottimale delle diverse parti dell’aratro e il contributo dell’industria si limitò al fatto che il prezzo del ferro andò costantemente diminuendo. Si può affermare d’altra parte che la domanda di attrezzi di metallo stimolò a sua volta la rivoluzione industriale sostenendo una buona parte della crescita dell’industria metallurgica. L’interazione fra agricoltura e industria portò a una profonda trasformazione di quasi tutti gli strumenti agricoli. Dapprima gli attrezzi tradizionali interamente in legno o con alcune parti in ferro battuto costruiti dal falegname e dal fabbro del villaggio, furono sostituiti da attrezzi piu efficienti prodotti dalle nuove industrie. Successivamente molti di essi furono soppiantai dalle macchine agricole.