La rivoluzione russa del 1917: riasssunto

Appunto inviato da cessoo
/5

Riassunto della rivoluzione russa del 1917 e la nascita dell'Unione Sovietica (2 pagine formato doc)

RIVOLUZIONE RUSSA 1917

3- La rivoluzione russa e la nascita dell'Unione Sovietica 3- La rivoluzione del 1917 affonda le sue radici nell'incapacità del regime zarista di riformare un sistema politico e sociale caratterizzato da diverse arretratezze.

Il tentativo di Stolypin di risolvere i problemi russi non aveva avuto successo,sulle campagne si scaricava il peso fiscale necessario a finanziare il processo di industrializzazione che aveva fatto grandi passi. Per effetto di questo processo in una economia agricola arretrata abbiamo lo sviluppo di poli industriali,cosa che ha portato allo sviluppo di una classe operaia numericamente ristretta e concentrata nelle regioni industriali del paese.
Al governo di Stolypin mancò qualsiasi politica operaia per migliorare i bassissimi salari e le pessime condizioni di lavoro in fabbrica. Ma il fattore più importante era quello dell'incapacità di riformare il sistema,reprimendo con violenza ogni dissenso,sciogliendo la Duma (Parlamento) a ogni tentativo di opposizione,così la monarchia zarista perse ogni rapporto con gli intellettuali del paese.

Rivoluzione russa e socialismo: riassunto

RIVOLUZIONE RUSSA 1917: RIASSUNTO

All'inizio del 1917 il regime zarista era sull'orlo del crollo,causato dalle sconfitte militari e dalla crisi economica. L'invio di contadini al fronte portò ad una grave situazione provocando la mancanza dei beni di prima necessità e l'aumento dei loro costi. Sul fronte si moltiplicavano le scene di ammutinamento,scioperi e sommosse,ma anche la chiesa non appoggiava più il regime zarista. In pochi giorni uno sciopero generale paralizzò la capitale:lo zar dichiarò lo stato di assedio,ma le truppe fraternizzarono con gli scioperanti e il 27 febbraio si impadronirono della città. Mentre la rivolta si estendeva,coinvolgendo pure Mosca,apparve chiaro che il regime zarista non era più in grado di riprendere il controllo del paese. I giorni della rivoluzione russa produssero due centri di potere:da un lato il governo provvisorio guidato dal principe L'vov ed egemonizzato dai liberali,dall'altro il soviet di Pietrogrado dai sociorivoluzionari e dai menscevichi.

Rivoluzione russa: riassunto

RIVOLUZIONE RUSSA FEBBRAIO

Questa situazione di doppio potere rendeva complesso la gestione politica della rivoluzione,per i diversi pareri contrastanti tra i due partiti. Il governo provvisorio mirava alla libertà di parola,di stampa e abolizione della pena di morte ma erano favorevoli a proseguire la guerra. Nel Soviet si evidenziarono due diverse posizioni:i menscevichi che intendevano dare alla rivoluzione un carattere democratico e legalitario,e i socialisti rivoluzionari che puntavano alla riforma agraria. Entrambi i gruppi erano contrari alla guerra,e anche senza partecipare appoggiavano il partito provvisorio. I bolscevichi pur non appoggiando il partito provvisorio si mantennero in una posizione di attesa;tutto questo mutò col ritorno in Russia di Lenin che riteneva possibile una rivoluzione socialista. La tesi di Lenin nasceva dall'idea che la guerra scoppiata nel 1914 fra le grandi potenze costituisse l'inizi