Società di Massa e Prima guerra mondiale

Appunto inviato da simocampy97
/5

Riassunto dettagliato sugli effetti della Prima guerra mondiale sulla società, descrizione della società di massa, del fordismo e della Prima guerra mondiale (29 pagine formato docx)

SOCIETA' DI MASSA E PRIMA GUERRA MONDIALE

La Società di Massa - Nella storiografia classica, il fordismo-taylorismo rappresenta il compimento della Seconda rivoluzione industriale, rivoluzione che è un cambiamento dell’economia che abbiamo visto essere iniziato molto presto: nei paesi industrializzati nella seconda metà dell’Ottocento.


Il fordismo-taylorismo invece è una fase molto avanzata rispetto agli inizi della seconda rivoluzione industriale, perché il fordismo-taylorismo ha i suoi anni d’oro agli inizi del Novecento.
Ora, in questo sviluppo dell’economia capitalistica c’è una cesura che non ha a che fare con l’economia capitalistica, ma che ha a che fare con fattori extra-economici, cioè la guerra mondiale. La grande fase di sviluppo contenuta nella seconda rivoluzione industriale, e poi nel fordismo-taylorismo, conosce una enorme battuta d’arresto nella guerra mondiale, che non è quindi un problema dell’economia capitalistica, ma che esula da ciò. La storia non si fa con i “se”, ma l’idea è che se non ci fosse stata la guerra mondiale, il destino del fordismo-taylorismo sarebbe stato diverso.

Definizione di società di massa e il Taylorismo


SOCIETA' DI MASSA STORIA

Di queste cose, cioè di come la Prima guerra mondiale devastò l’economia di mercato nel corso della prima metà del Novecento, ne parleremo più avanti. Abbiamo parlato di questa cosa per capire perché il fordismo-taylorismo è considerato la fase più avanzata della seconda rivoluzione industriale; mentre secondo altri è invece la premessa della terza rivoluzione industriale, però abortita, perché mentre sta nascendo c’è stata la guerra mondiale e quindi questa dinamica storica è abortita.
Si chiama così, fordismo-taylorismo, perché è il combinato storico di una teoria, la teoria economica di Taylor, un economista che teorizzò un modo per rendere più produttivo, anche in tempo di crisi (nel periodo della grande depressione), il sistema di fabbrica. Vediamo in cosa consiste questa teoria.
Il taylorismo presuppone che si possa innanzitutto distinguere tra lavoro manuale e lavoro intellettuale all’interno della fabbrica, dove chiaramente per lavoro manuale si intende il lavoro degli operai, e per lavoro intellettuale chi è addetto alla programmazione in una fabbrica, il lavoro impiegatizio.

Le società di massa e la nascita dell'URSS: riassunto


EFFETTI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE SULLA SOCIETA'

Ora, questa distinzione, che non è di Taylor, è una distinzione che è vecchia quanto la storia dell’industria, viene da Taylor riutilizzata per rendere più produttivo il sistema di fabbrica. Secondo Taylor, il sistema di fabbrica dev’essere segmentizzato, cioè diviso in settori, ciascuno dei quali si occupa di una mansione, e in questi segmenti i tempi devono essere contingentati in base ad una dinamica che è quella del lavoro a cottimo. Quindi viene individuato un processo che sarà quello della catena di montaggio, la catena di montaggio è questo: l’operaio che compie lavoro manuale, non intellettuale, non gli viene chiesto di pensare. Questa è la grande novità della seconda rivoluzione industriale: mentre nella prima lavoro manuale e intellettuale si mescolavano, l’operaio era responsabile della produzione, invece adesso non gli viene chiesto, lui deve eseguire degli ordini con le mani.

Dai partiti di massa alla Seconda guerra mondiale: riassunto


SOCIETA' DI MASSA STORIA RIASSUNTO

E lo deve fare in tempi contingentati, ha un orario di lavoro, e in questo orario è previsto che lui faccia quella mansione, a cottimo, cioè pagato sulla base di quello che fa.
Ed è per questo motivo che il Taylorismo diventa fordismo-taylorismo, perché Taylor era un economista, lui è quello che ha provato a capire in che modo si potesse ottimizzare la produzione in un momento di crisi. Quello che invece mise in pratica il sistema di Taylor fu Ford, e quindi fordismo-taylorismo. Ford era il proprietario di una fabbrica americana di automobili, che fu il primo ad attuare in maniera completa le idee di Taylor nella sua fabbrica.
L’intuizione di Taylor divenne un sistema quando Ford divenne il primo grande magnate dell’industria automobilistica, cioè l’aver applicato il sistema di Taylor nella sua fabbrica permise a Ford di diventare il maggior produttore di macchine negli anni immediatamente antecedenti la guerra mondiale.

La società industriale di massa: riassunto


SOCIETA' DI MASSA DEFINIZIONE

Ora, nel fordismo, nella messa in pratica delle idee di Taylor, c’è un qualcosa che va oltre quello che abbiamo già detto, ossia un sistema di alti salari, ma di basso costo della manodopera. L’idea è che è inutile far lavorare per troppe ore un operaio, perché questo dopo 8 ore che avvita bulloni non ce la fa più. La soluzione sta nel fare in modo che in quelle otto ore lui possa produrre molto di più di tutti gli altri operai di tutte le altre industrie automobilistiche, quindi devo avergli messo a disposizione un parco macchine e un sistema, la catena di montaggio, che è in grado di ottimizzare al massimo la sua produzione, cioè lui lavora 8 ore come gli altri ma produce il triplo delle macchine di un altro operaio.