La crescita economica dopo l'anno mille: riassunto

Appunto inviato da auroralovelydoll
/5

La crescita economica dopo il Mille: dall'alto al basso medioevo, affermazione della Società Cittadina, Italia tra Impero, Papato e Regno di Sicilia (3 pagine formato doc)

CRESCITA ECONOMICA DOPO L'ANNO MILLE

Capitolo 1 – Dall'alto al basso medioevo.

Nell’anno mille la mentalità del tempo era abituata a dare valore simbolico ad ogni evento storico che apparisse eccezionale sempre a sfondo religioso, ed era spesso orientato dalle profezie sulla fine del mondo che il cristianesimo aveva sempre dato come imminente.
L’anno Mille è una data chiave posta tra il passaggio fra l’Alto e il Basso Medioevo.  Dal I al VI secolo la popolazione scese al di sotto dei 19 milioni di abitanti ma la conseguenza più diretta non era quella delle guerre ma degli effetti devastanti delle epidemie e le condizioni generali di vita che fecero crescere la mortalità infantile riducendo le speranze di vita.

L'Europa nell'anno mille: riassunto

L'EUROPA DOPO L'ANNO MILLE

A ciascuna famiglia il signore affidava un appezzamento di terra (manso) dalla quale dovevano ricavare il proprio nutrimento. Una parte del manso andava al signore al quale il contadino doveva fornire delle prestazioni obbligatorie chiamate corvèes che erano un certo numero di giornate di lavoro nella parte dominica della tenuta.

A questi obblighi si aggiungevano le bannalità che imponevano ai contadini alcuni servizi erogati.
La società signorile era un sistema di concessione e di obblighi da cui si costruirono i rapporti fra la proprietà delle terre e la popolazione contadina che si affiancò all’insieme di relazioni personali e politiche che viene chiamato feudalismo.
Il feudalismo è un ordinamento fondato sull’attribuzione di un bene che veniva affidato in lascito provvisorio e stabiliva pertanto un rapporto personale fra colui che concedeva il feudo e colui che lo riceveva. Quello che lo riceveva si chiamava vassallo.
Si diventava vassalli attraverso un atto formale detto omaggio con cui il signore accoglieva la richiesta di protezione in cambio di una dichiarazione pubblica di fedeltà. Questa cerimonia si svolgeva alla presenza di testimoni e si stabiliva un rapporto reciproco e personale. Con il tempo si concedette al vassallo il godimento di un bene (beneficio). Una terra che restava di proprietà del signore e il vassallo ne aveva solo l’usufrutto.

INNOVAZIONI AGRICOLE ANNO MILLE

Nel 1037 l’imperatore Corrado II emanò la Costitutio de Feudis con la quale sanciva l’ereditarietà dei feudi minori. Cioè i più potenti rendevano permanente l’assegnazione di far diventare ereditario il possesso del feudo.
Fra la fine del X e l’inizio del XI secolo gli Ungari avevano ridotto le loro scorrerie nei territori occidentali, i Saraceni avevano dovuto ridurre le loro incursioni contro le città costiere e i Normanni si stabilirono nella regione della Francia che prese il nome di Normandia. Da lì riuscirono ad impossessarsi del regno d’Inghilterra al seguito di Guglielmo il Conquistatore che sconfisse i sassoni nella battaglia di Hastings (1066).