Sparta e Atene in età classica

Appunto inviato da ceciliabarabaschi
/5

Età classica: Sparta, Lega di Delo, Atene, politica moderata di Cimone e Pericle (3 pagine formato doc)

SPARTA E ATENE IN ETA' CLASSICA

L’età classica.

Il V secolo a.C. fu per la Grecia il periodo che segnò il suo maggiore splendore sia dal punto di vista politico che culturale.
In questo periodo si sviluppò la democrazia ateniese in base alla quale ogni cittadino aveva il diritto di partecipare al governo dello stato.
In quest’epoca rifiorì il teatro, la medicina e Atene fu la patria di molti poeti, artisti e filosofi.
Sparta. Dopo le guerre tra greci e persiani i due popoli rimasero a lungo in una situazione di belligeranza, anche se nessuno dei 2 si impegnò a fondo per sconfiggere l’avversario.
Le vittorie dei greci erano merito sia degli ateniesi che degli spartani ma fu soprattutto Atene a raccogliere i frutti di queste vittorie infatti Sparta era  impegnata proteggere la classe degli “uguali” e rinunciò ad una politica espansionistica  concentrandosi per conservare il suo predominio nel Peloponneso.

Differenze tra Atene e Sparta

SPARTA E ATENE, RIASSUNTO

La Lega di Delo.

Le città ioniche,  per paura del ritorno dei persiani, si allearono  con Atene e nel 477 a. C. costituirono una lega di  città greche all’interno della quale Atene aveva un ruolo di città-guida.
Questa lega, chiamata Lega di Delo o delio-attica, era governata da un consiglio che si riuniva una volta all’anno.
All’interno della lega tutte le città avevano lo stesso diritto di voto.
Atene era a capo della lega e le altre città contribuivano o fornendo militari e versando tributi agli ateniesi.
Il tesoro della Lega era depositato a Delo, l’isola sacra ad Apollo.
Le città che versavano tributi ad Atene, oltre a delegare ad Atene stessa le operazioni militari, di fatto si sottomettevano al suo potere.

SPARTA E ATENE, STORIA

L’ASCESA DI ATENE. Le sue mura. La situazione politica di Atene, secondo Temistocle, avrebbe portato presto ad uno scontro con Sparta per il predominio sulla Grecia, quindi era necessario proteggere la città.
Furono quindi costruite le “Lunghe mura” che univano la città al porto di Pireo per impedire alla città di essere bloccata e garantirle il dominio sul mare.
Molti ateniesi però erano ancora a favore di una politica di accordo con Sparte e quindi nacquero 2 partiti  che condizionarono la vita politica ateniese per tutto il secolo:
-    uno moderato, favorevole ad una politica di pace con gli altri stati della Grecia (contadini agiati e aristocratici)
-    uno radicale, favorevole ad una politica di espansione sia verso la Persia che verso altre città greche (demos: artigiani, mercanti, marinai).
La politica moderata di Cimone. In un primo momento la prevalenza fu del partito moderato.
Temistocle fu mandato in esilio prima ad Agro poi in Persia e il più importante politico ateniese divenne Cimone (nemico di Temistocle) che era figlio di Milziade (vincitore di Maratona).