Così parlò Zarathustra

Appunto inviato da superkia89
/5

Scheda libro di un grande capolavoro di Nietzsche: analisi del titolo, sottotitolo e confronto con la Bibbia attraverso il testo (3 pagine formato pdf)

L' idea di Così parlò Zarathustra Balenò a Nietzsche come una folgorazione nell' agosto del 1881 , in Engadina ( Svizzera ) , " 6000 piedi al di là dell' uomo e del tempo " .
Essa coincise con il rivelarsi dell' " eterno ritorno " , una delle teorie più fortemente nietzschiane . Lo Zarathustra rielabora e ripresenta tutto ciò che Nietzsche era stato fino allora in una forma assolutamente nuova , e soprattutto in una forma incompatibile con i canoni della filosofia occidentale . " Un libro per tutti e per nessuno " é il sottotitolo di Così parlò Zarathustra : proprio perchè obbliga il pensiero a parlare immediatamente , fuori da ogni tecnicismo , in una forma poetica e profetica : tutti possono leggerlo , ma chi può capirne fino in fondo il significato ? Probabilmente nessuno . Non a caso ogni volta che si apre questo libro carico di enigmi , esso appare sorprendente e diverso , quasi se non si esaurisse mai il suo significato .
Nietzsche era consapevole di questa ambiguità e di questa polisemia del suo libro , e in certo modo dell' intera sua opera ; in una lettera del 1884 scriveva : " Chissà quante generazioni dovranno trascorrere per produrre alcune persone che riescano a sentire dentro di sè ciò che ho fatto ! E anche allora mi terrorizza il pensiero di tutti coloro che , ingiustificatamente e del tutto impropriamente , si richiameranno alla mia autorità . Ma questo é il tormento di ogni grande maestro dell' umanità : egli sa che , in date circostanze del tutto accidentali , può diventare con la stessa facilità una sventura o una benedizione per l' umanità " .Così parlò Zarathustra è l'opera che riassume il pensiero dell'ultima fase intellettuale di Nietzsche. L'opera è scritta secondo un modello che richiama lo stile del Nuovo Testamento e questa scelta di stesura in forma profetica ci fa intuire come Nietzsche , da questo periodo della sua vita in poi, si senta investito di un compito epocale, una convinzione di dover provocare un mutamento radicale di civiltà, mutamento concepito in solitudine e in un totale isolamento intellettuale. In questa opera Nietzsche prende congedo dal moralista e dallo psicologo e prende i toni di un profeta e di un lirico.