Il "Galileo" Di Bertolt Brecht

Appunto inviato da pirateprincess
/5

Relazione del libro "Vita di Galileo" di Brecht (4 pagine formato doc)

"VITA DI GALILEO" di Bertolt Brecht :
  1. Quale il senso dell'opera ? : (max 10 righe)
Il fatto stesso che l'opera abbia subito diverse redazioni prima di arrivare alla stesura finale, dimostra che il messaggio che l'autore voleva trasmettere non fosse ben definibile nemmeno allo stesso.
Brecht usa il contesto storico e la vita di Galileo come metafora del proprio tempo ed esperienze , quindi l'opera si può considerare autobiografica. E' principalmente incentrata sulla figura dell scienziato (o dell'artista) non libero di esprimere il proprio pensiero perché oppresso da un potere superiore, sia esso politico o religioso.
Per poter continuare a sostenere le proprie teorie deve necessariamente scendere a compromessi e questo comporta il rischio di essere frainteso. Da ciò deduciamo il messaggio che Brecht vuole far arrivare e cioè che la scienza deve risultare libera da ogni cappio ideologico e politico e deve essere strumento di progresso degli uomini e non fonte della loro distruzione.
  1. In sintesi il contenuto dell'opera : (max 5 righe)
Drammatizzazione della vita, ma principalmente delle scoperte, dello scienziato Galileo: le macchie solari , l'invenzione del telescopio, grazie al quale è il primo a poter dar prova di verità dell'intuizione già avuta da scienziati precedenti riguardo alla teoria eliocentrica, ma con queste sue rivoluzionarie innovazioni rischia di mettere a repentaglio gli equilibri teologici e sociali del suo tempo e perciò si piega alla ritrattazione per timore della tortura e come viene interpretato dai suoi discepoli: per mancanza di vocazione eroica.
  1. L'autore B. Brecht , chi era , la collocazione politica, la fortuna :
Eugen Berthold Friedrich Brecht nasce il 10 Febbraio del 1898 ad Augusta . Viene considerato il più influente drammaturgo, poeta e regista tetarale tedesco del XX secolo, visse durante il periodo della seconda guerra mondiale, quindi essendo tedesco sentì molto l'influenza nazzista. Nel 1913 cominciò a scrivere le prime poesie piene di patriottismo ed entusiasmo per la guerra , nel 1924 si trasferì a Berlino e lavorò come drammaturgo presso il "Deutsches Theater" . Dopo il suo esilio si trasferì in america dove cercò di entrare nel mondo del cinema , ma non ebbe successo perciò si limitò ad organizzare alcune rappresentazioni teatrali. Morì a Berlino nel 1956.