Fahrenheit 451: analisi del testo

Appunto inviato da t0p0la
/5

Fahrenheit 45: analisi del libro di Ray Bradbury con citazioni, episodi più importanti della storia e descrizione dei personaggi principali (6 pagine formato doc)

FAHRENHEIT 451: ANALISI DEL TESTO

Fahrenheit 451.

“C’era un buffissimo uccello, chiamato Fenice, nel più remoto passato, prima di Cristo, e questo uccello ogni quattro o cinquecento anni si costruiva una pira e ci si immolava sopra. Ma ogni volta che si bruciava, rinasceva subito poi dalle sue stesse ceneri, per ricominciare. E a quanto sembra, noi esseri umani non sappiamo fare altro che la stessa cosa, infinite volte, ma abbiamo una cosa che la fenice non ebbe mai. Sappiamo la colossale sciocchezza che abbiamo appena fatta”.
Fahrenheit 451 è un romanzo di Ray Bradbury ambientato in un ipotetico futuro in cui i libri sono proibiti perché causano tristezza e l’uomo vive in un’apparente felicità ma subendo in realtà il “lavaggio del cervello” da parte della tecnologia; il corpo dei pompieri ha come unico compito quello di bruciare i libri, materiale illegale tenuto spesso nascosto dai lettori fuorilegge.

Fahrenheit 451: riassunto, personaggi e commento

FAHRENHEIT 451: ANALISI LIBRO

Il protagonista di Fahrenheit è appunto un Milite del Fuoco - Guy Montag – che grazie all’incontro con una diciassettenne “diversa da tutti gli altri” inizia ad interrogarsi sulla sua vita e sulla sua felicità “mi ha domandato se sono felice!”, arrivando alla conclusione che qualcosa nel suo modo di vivere non funziona e lo rende infelice.

Per questo il personaggio di Montag è una figura molto umana, non un eroe: un uomo che nonostante la sua paura cerca comunque di cambiare le cose. Egli stesso inizierà a nascondere alcuni dei libri che dovrebbe bruciare e, gradualmente, capisce che il mondo trasmesso dai mass media, in cui lui è sempre vissuto, è ben diverso da quello reale. Montag è indotto a riflettere su come mai nessuno pensi più: tutti sono schiavi della TV e della tecnologia che diletta i cittadini anziché informarli sui veri problemi.

FAHRENHEIT 451: ANALISI DEI PERSONAGGI

Sarà infatti Montag l’unico personaggio dinamico, che nel corso della storia deciderà di cambiare e diventerà simbolo della scoperta dei valori e del risveglio dall’ignoranza, accorgendosi che la sua esistenza incentrata unicamente sul lavoro, la moglie e la televisione non lo porta da nessuna parte “indossava la sua felicità come una maschera, e quella ragazzina se n’era andata per il prato con la maschera e non c’era modo di andare a battere alla sua porta per riaverla”. Due episodi contribuiscono al cambiamento di Montag: l’incontro con la diciassettenne Clarisse e la scelta di un’anziana donna che si fa bruciare insieme ai suoi libri. Questi due episodi saranno per Montag la “scintilla” che lo porterà alla confusione “non so proprio più nulla di nulla”.