Il visconte dimezzato

Appunto inviato da gragra88
/5

Riassunto e analisi del libro di Calvino (3 pagine formato doc)

ANALISI DE "IL VISCONTE DIMEZZATO" RECENSIONE: Autore: Italo Calvino Titolo: “Il Visconte dimezzato” Casa Editrice: Oscar Mondadori N.
pagine: 91 - Riassunto della trama: Il visconte Medardo di Terralba, zio del narratore, parte per la guerra contro i Turchi e nella sua prima battaglia viene colpito da una palla di cannone che lo divide verticalmente a metà. Inizialmente, sembra che solo la metà destra sia rimasta intatta e i medici riescono a salvarla. Così Medardo, dopo diversi anni, fa ritorno al suo castello e al suo popolo, ma il suo carattere é irrimediabilmente cambiato: dapprima non vuole vedere nessuno, poi, quando si decide ad uscire dalla camera dove si è isolato, si comporta in modo violento e brutale, sia nei confronti delle persone, sia verso le cose e la natura. Chi osa contraddirlo viene punito con l'impiccagione; per questi motivi il visconte é odiato da tutto il popolo.
Medardo si accanisce anche contro le persone più care: il nipote viene più volte messo in pericolo di vita e la vecchia balia Sebastiana viene esiliata per vendetta a Pratofungo, dove risiedono in isolamento tutti i lebbrosi. Il visconte decide di innamorarsi della pastorella Pamela, per fare uno dei suoi soliti dispetti, e cerca di convincerla a seguirlo con le minacce e facendo uso dei suoi soliti metodi brutali. Un giorno arriva al villaggio un altro visconte dimezzato, che però si comporta in maniera opposta al primo: aiuta i bisognosi, é tollerante, premuroso e vuole a tutti i costi fare del bene. Si tratta della metà sinistra che si credeva perduta del visconte Medardo di Terralba. I paesani lo chiamano “il Buono” mentre la sua metà malvagia è soprannominata “il Gramo”. Tuttavia, a lungo andare, le ottime virtù del buono staqncano la popolazione: egli, cercando insistentemente di fare del bene, si dimostra invadente, ficcanaso e stucchevole. Anche il Buono s'innamora di Pamela, così i due “mezzi-visconte” si sfidano a duello per stabilire quale dei due avrebbe sposato la ragazza. Ma durante il combattimento, l'uno colpiva la parte inesistente dell'altro, senza mai, quindi, riuscire a ferirlo. Alla fine entrambi infliggono all'altro una ferita parallela alla linea che interrompeva il corpo dell'altra metà: le vene si riaprono, il sangue si mescola ed il dottor Trelawney, amico del narratore, li unisce di nuovo. Così Medardo ritorna ad essere intero, esteriormente uguale a come era prima dell'incidente, in realtà reso più saggio dalla doppia esperienza che aveva vissuto. - Descrizione dei personaggi principali: IL VISCONTE MEDARDO DI TERRALBA: -"Il Gramo": é la metà destra del visconte, si comporta esclusivamente in modo crudele e spietato; é violento, vendicativo e non rispetta i sentimenti e la libertà degli altri. É un solitario che si aggira per la campagna provocando distruzione e panico nella popolazione; Egli inoltre esprime odio e fastidio verso tutto ciò che é intero dimezzando tutto quello che trova s