il visconte dimezzato

Appunto inviato da frakikka20
/5

Scheda libro completa (5 pagine formato doc)

Torino, Torino, Estate 2005 Compiti di italiano delle vacanze estive ANALISI DEL TESTO IL VISCONTE DIMEZZATO di Italo Calvino Riassunto ragionato del testo con messa in evidenza di passaggi narrativi fondamentali; Presentazione delle tematiche trattate dall'autore; Analisi dei personaggi presi singolarmente ed in relazione con gli altri; Analisi di luoghi; Valutazione sullo stile dell'autore; Aspetti extratestuali; Commento personale oggettivo e soggettivo.
1. Il libro “Il visconte dimezzato” narra del visconte Medardo di Terralba che, partito per la guerra in favore dei Cristiani contro i Turchi, torna in patria dimezzato. Di lui, all'inizio torna solo la sua parte destra, quella che nella storia si rivela la parte cattiva.
Il visconte, infatti, in un combattimento viene diviso in due parti una cattiva e una buona . Quest'ultima compare nel testo solo verso al fine, contrapponendo la sua estrema bontà d'animo alla crudeltà dell'altra parte. Con la giunta di una piccola e poco descritta storia d'amore, il testo si conclude con la riunione delle due parti del corpo del visconte. 2. Nel libro “Il visconte dimezzato” la tematica principale che l'autore, Italo Calvino, mette in evidenza è l'incompletezza delle persone. Tale tematica viene rappresentata nel libro con la scissione del visconte Medardo e con la contrapposizione di due parti opposte che, quando erano unite, rendevano il visconte una persona del tutto normale, ma, che divise si dimostrano l'una buona in maniera eccessiva, l'altra altrettanto cattiva. È inutile dire che questa tematica tratti di un argomento recente poiché l'uomo, per quando possa evolversi e progredire, è stato, è e sarà sempre soggetto a errore come a scelta corretta, non esisterà mai, a mio parere, un uomo solo buono o solo cattivo. Nel libro trova conferma questa mia affermazione: “Così mio zio Medardo ritornò uomo intero, né cattivo né buono, un miscuglio di cattiveria e bontà, cioè apparentemente non dissimile da quello ch'era prima di esser dimezzato. Ma aveva l'esperienza dell'una e l'altra metà rifuse insieme , perciò doveva essere ben saggio.” A questa tematica, nel libro si collegano altre due tematiche, che, anche se secondarie, a mio avviso, sono molto importanti e soprattutto attuali. Spesso ci troviamo a discutere dei problemi delle persone disabili; l'autore tratta anche questa tematica nel libro, ma, lo fa in modo particolare. Egli non mette in evidenza le solite e sempre discusse difficoltà che le persone disabili hanno, ma fa risaltare ciò che rende queste persone più sensibili, più vicine ai problemi alla difficoltà altrui, tutto ciò che spesso manca alle persone normali. Le persone disabili sanno cosa vuol dire dover affrontare la vita con un handicap, quindi si rafforzano e possono poi aiutare le persone sane. Qualcuno potrebbe dire che questa mia affermazione sia assurda, eppure è così, le persone disabili colmano le loro mancanze sviluppando parti fisiche e intel