"La masseria delle allodole" di Antonia Arslan

Appunto inviato da elnegro92
/5

Accenno storico, riassunto, commento e personaggi del libro Masseria delle Alllodole di Antonia Arslan sul genocidio armeno (7 pagine formato pdf)

IL PERIODO STORICO


Il libro “ La masseria delle allodole” è scritto da Antonia Arslan.
Questa autrice ambienta la storia del suo libro in un periodo tragico per il paese Armeno, il quale vive un evento tragico allo scoppio della prima guerra mondiale ( 1914 ) : il cosiddetto secondo genocidio armeno , perché già in precedenza ( nell’ anno 1890 ) ne aveva già subito uno , che prende il nome di primo genocidio armeno .



Tutto cominciò nel periodo precedente la prima guerra mondiale all'impero ottomano era succeduto il governo dei «Giovani Turchi». Costoro temevano che gli armeni potessero allearsi coi russi, di cui erano nemici.
E già nel 1909 si registrò un eccidio di almeno 30.000 persone nella regione della Cilicia.


Successivamente nel 1915 alcuni battaglioni armeni dell'esercito russo cominciarono a reclutare fra le loro fila armeni che in precedenza avevano militato
nell'esercito ottomano. Intanto l'esercito francese finanziava e armava a sua volta gli armeni, incitandoli alla rivolta contro il nascente potere repubblicano. Nella notte tra il 23 e il 24 aprile 1915 vennero eseguiti i primi arresti tra l'Elite armena di Costantinopoli.


L'operazione proseguì l'indomani e nei giorni seguenti. In un mese più di mille intellettuali armeni, tra cui giornalisti, scrittori, poeti e perfino delegati al Parlamento furono deportati verso l'interno dell'Anatolia e massacrati per strada.
Arresti e deportazioni furono compiute in massima parte dai «Giovani Turchi».