Moll Flanders: scheda del libro di Defoe

Appunto inviato da kashuel
/5

Scheda libro dell'opera di Daniel Defoe, Moll Flanders. Biografia dell'autore, riassunto, analisi personaggi, tempo, spazio, stile, tema principale e commento personale (6 pagine formato doc)

MOLL FLANDERS SCHEDA LIBRO

Moll Flanders” di Daniel Defoe.
Titolo: Moll Flanders
Autore: Daniel Defoe; scrittore inglese
Genere letterario: Romanzo storico-avventuroso
Anno di pubblicazione: 1722
Anno e luogo di pubblicazione: 1999 Milano
Casa editrice: Garzanti Libri s.p.a, Milano

Moll Flanders: riassunto

MOLL FLANDERS DEFOE

Notizie sull’Autore.

Defoe nacque in un sobborgo londinese, nei pressi di Cripplegate.
Suo padre, James Foe, era un membro della società dei macellai ma (curiosamente) mercante di candele; Daniel modificò il proprio cognome da "Foe" al più aristocratico "Defoe" intorno al 1703, arrivando in alcune occasioni a dichiarare di essere un discendente della famiglia De Beau Faux. La famiglia di Defoe era di credo presbiteriano dissenziente; egli fu mandato a scuola all'accademia dissenziente di Stoke Newington, diretta da Charles Morton (in seguito vicepresidente di Harvard). Daniel scelse di non diventare pastore presbiteriano e di dedicarsi agli affari. In questo ramo ebbe un grande successo, e poté sposare Mary Tuffley, figlia di un ricco mercante, ottenendo tra l'altro una dote di 3.700 sterline. Da Mary ebbe sette figli. Convinto sostenitore della causa liberale, nel 1685 Defoe si schierò con il Duca di Monmouth (figlio illegittimo, protestante, di Carlo II), che osteggiava il legittimo erede al trono e fratello di Carlo, il cattolico Giacomo II.

Moll Flanders di Defoe: trama

MOLL FLANDERS RIASSUNTO

Nel 1668 prese posizione dalla parte di Guglielmo d'Orange quando questi si scontrò con il suocero Giacomo (che intendeva instaurare una monarchia assoluta e mettere in atto una politica di pulizia religiosa analoga a quella di Luigi XIV in Francia). Nel 1692, Defoe finì in bancarotta, pagando il suo disastro economico anche con la prigione. Riuscì a risollevare le proprie condizioni finanziarie dando inizio a una serie di attività disparate: una fabbrica di mattoni, un servizio di consulenza per il governo, e qualche pubblicazione come saggista. I saggi di Defoe, di natura politica ed economica, contenevano raccomandazioni destinate a rivelarsi all'avanguardia rispetto ai suoi tempi: suggerivano, tra l'altro, la creazione di una banca nazionale (divenuta realtà nel 1694), di un sistema pensionistico, di società di assicurazioni. Defoe propose anche nuove leggi sulla bancarotta. Dopo la morte di Guglielmo III (1702), Defoe fu arrestato con l'accusa di avere diffamato la Chiesa d'Inghilterra nel suo saggio La via più breve per i dissenzienti (The shortest way with the dissenters). Il libro venne messo al rogo, e Defoe subì prima la gogna e poi nuovamente la prigione, nel carcere di Newgate. Fu durante la sua prigionia a Newgate che Defoe iniziò a scrivere il romanzo Moll Flanders, considerata la sua prima grande opera letteraria.