Marcovaldo di Calvino: scheda libro

Appunto inviato da giuliapinzetti94
/5

Scheda libro su Marcovaldo di Italo Calvino. Riassunto, descrizione dei personaggi e commento personale (3 pagine formato doc)

MARCOVALDO ITALO CALVINO: SCHEDA LIBRO

Scheda libro.
Autore: Italo Calvino
Titolo: “Marcovaldo ovvero Le stagioni in città
Casa editrice: Einaudi editore
Tempo e luogo: Il racconto è ambientato in una città industriale degli anni ’60, durante lo sviluppo economico, alla fine della seconda guerra mondiale.

La città di cui si parla non è denominata in alcun modo.
La ditta in cui il protagonista fa il manovale, che non si sa bene cosa produca,  rappresenta il prototipo dell'azienda contemporanea.

Marcovaldo: riassunto

MARCOVALDO: RIASSUNTO

Trama: Il racconto si articola in 20 novelle suddivise in quattro sezioni, titolate dai nomi delle stagioni. Esse, raccontate da un narratore in terza persona, hanno sempre un finale comico e ironico, che fa sorridere da una parte ma piangere dall’altra. Nelle novelle si parla della vita del protagonista in un anno, una vita banale e fatta di stenti. Il protagonista è Marcovaldo, che si ostina nella ricerca della Natura in una grande città di asfalto e cemento.

MARCOVALDO: PERSONAGGI

Personaggi: MarcovaldoMarcovaldo è un operaio addetto al carico e scarico delle merci in una ditta che si chiama Sbav. Ha sei figli pestiferi da mantenere e una moglie, Domitilla, che mette a freno tutte le idee del marito. Il protagonista è un personaggio buffo e malinconico, molto ingenuo, smemorato, di animo semplice, grande amante della natura. È però un uomo forte, che affronta mille disavventure senza disperarsi, con coraggio, si sa adattare e sa godere anche di piccole cose, come i bambini. È un personaggio che rappresenta l’uomo medio dell’epoca che era appena uscito dal dramma della seconda guerra mondiale.  Trasferitosi in città Marcovaldo vi cerca la natura ma può solo sognarla, immerso com’è tra l’inquinamento urbano.
Egli cerca di mantenere dignitosamente la sua famiglia, ma tutti i suoi tentativi di trovare un po’ di fortuna e di stare un po’ meglio, finiscono sempre per prendere una piega bizzarra e ironica. Come ad esempio nell’episodio in cui trova dei funghi in un’aiuola alla fermata del tram e si trova poi costretto a recarsi in ospedale per una lavanda gastrica; o come nell’episodio in cui ruba un coniglio e scopre che è contaminato da un virus, e così in tutti gli episodi, dove ogni volta si illude di aver ottenuto qualcosa ma poi si accorge che non è cambiato nulla.