Novecento di Baricco: recensione e analisi

Appunto inviato da raffyna92
/5

Recensione dettagliata del romanzo Novecento di Alessandro Baricco: trama, personaggi, tempo, spazio, tematiche, commento e stile (2 pagine formato pdf)

NOVECENTO BARICCO: RECENSIONE

Analisi del testo narrativo “Novecento” di Alessandro Baricco
1) TITOLO e AUTORE: “Novecento”, Alessandro Baricco.

2) CASA EDITRICE: La Feltrinelli. 3) CITTÀ E ANNO DI PUBBLICAZIONE: Milano, ottobre 1994.
4) GENERE DEL LIBRO: testo teatrale in forma di monologo. 5) PERSONAGGI PRINCIPALI: Narratore – Tim Tooney. È un giovane che ha trovato lavoro sul Virginian (un piroscafo che negli anni fra le due guerre faceva la spola tra Europa e America), suonando la tromba nel complesso musicale ingaggiato per divertire i passeggeri.
È proprio in questo modo che incontra il protagonista della vicenda, Novecento, del quale diventa grande amico. Egli è un giovane avventuroso, che s’imbarca sul Virginian per sfuggire in un modo o nell’altro al clima di miseria e povertà che vi è sulla terraferma.
Danny Boodmann T.D. Lemon Novecento. È un pianista di bravura eccezionale che suona nella banda del Virginian assieme al narratore. Si sostiene che non sia mai sceso da quella nave, il che corrisponde a verità: un anno, il giorno dello sbarco a New York, fu trovato sopra il pianoforte del salone di prima classe da un macchinista, che lo adottò come figlio. È un personaggio assai complesso, che deve conciliare il desiderio di realizzare i suoi sogni con la paura del mondo sconosciuto che si staglia al di fuori del Virginian.
6) AMBIENTE: nel testo prevalgono gli ambienti interni, in altre parole quelli che compongono l’interno del Virginian. Essi si limitano a fare da sfondo alla vicenda, descritti in modo oggettivo e realistico, senza dover trasmettere sensazioni o emozioni dei personaggi.
7) TEMPO della STORIA raccontata (della fabula) e TEMPO del RACCONTO (dell’intreccio): nel testo la fabula è presente solo in rare parti, mentre a prevalere è l’intreccio. E’ proprio l’autore, infatti, trasportato nel testo nella figura dell’amico di Novecento, a decidere in che ordine raccontare i fatti. Sono presenti sia sommari (per lo più riguardanti la vita di Novecento da bambino) che narrazioni rallentate (dove si dedica più spazio ai pensieri e alle riflessioni del narratore).

Novecento di Baricco: recensione

NOVECENTO BARICCO: ANALISI TESTUALE

In tutto il romanzo è presente una sola analessi (anticipazione): mentre racconta un altro fatto, il narratore pronuncia casualmente una frase che annuncia in modo appena abbozzato il finale. Sono invece presenti molti flashback (ricordi d’eventi passati), proprio perché, essendo un personaggio a raccontare la vicenda, narra i fatti nell’esatto ordine in cui gli vengono in mente, in una successione dove si perde quasi completamente il filo cronologico. 8) BREVE TRAMA: E’ la storia di Danny Boodman T.D. Lemon Novecento, un pianista d’eccezionale bravura. Egli ha trascorso tutta la sua vita, sin dalla nascita, sul piroscafo Virginian, e proprio lì è anche morto (quando si è deciso di distruggere la nave), senza aver mai messo piede sulla terraferma. Egli non riesce a superare la paura d’amare e di fare tutte quelle cose che inevitabilmente lo legherebbero alla terra; per questo dedica tutta la sua vita a suonare per i passeggeri del Virginian, vivendo passioni e desideri non suoi, fino ad annullarli nella musica. Il racconto termina con la morte di Novecento, che, incapace di adattarsi ad una vita che non ha mai conosciuto, si lascia esplodere con il transatlantico, che solo ha costituito tutto il suo mondo.

Novecento di Baricco: recensione dettagliata

NOVECENTO BARICCO: TEMATICHE

9) TEMATICHE FONDAMENTALI: le tematiche fondamentali di questo libro sono poche ma significative. Prima fra tutte vi è quella del “legame”: il legame forte di Novecento verso il Virginian, dove è nato, cresciuto e dove muore. Il transatlantico rappresenta tutto il suo mondo e la sua famiglia; è naturale quindi che egli non voglia scendere a terra a costruirsi nuovi legami, poiché le sue radici sono ormai ben insediate su quella nave, e scendere a terra e costruirsi una nuova vita non sarebbe altro che un tradimento verso ciò che l’ha sostenuto fino a quel momento.
Ultima tematica che ritengo fondamentale è quella del sogno: Novecento, incapace di soddisfare i suoi desideri senza abbandonare ciò che gli è più caro, li “incatena”, relegandoli in un angolo del suo animo, o li vive negli occhi degli altri temporanei passeggeri del Virginian. E, per ricompensarli di questo temporaneo “prestito”, si dedica anima e corpo alla musica, rendendola avvolgente e trascinante alla pari dei suoi sogni “rinchiusi”.

Novecento di Baricco: trama

NOVECENTO BARICCO: COMMENTO

10) COMMENTO: di questo testo mi è piaciuto molto lo stile di scrittura dell’autore. Le parole scorrono velocemente, sono facili da capire e la trama coinvolge molto. Tutto questo perché la narrazione in prima persona coinvolge molto il lettore, e sembra quasi che l’intera vicenda avvenga sotto i suoi occhi. Anche la trama è molto interessante e unica: la storia di questo pianista, mai sceso dalla nave dove è nato, riesce subito ad affascinare il lettore, che non vede l’ora di arrivare alla fine della lettura, pur gustandosi passo per passo tutto il testo e le vicende che esso narra. Ho molto apprezzato poi il tema dell’amore per la musica, unica cosa che consola il protagonista di tutto ciò che ha perso restando sempre a bordo del transatlantico.

Stai per compiere o hai compiuto 18 anni? Abbiamo qualche consiglio di lettura per te!