Assassinio sull'Orient Express: relazione libro di Agatha Christie

Appunto inviato da krk92
/5

Assassinio sull'Orient Express: trama e analisi del libro di Agatha Christie. Biografia e opere dell'autrice del romanzo (4 pagine formato doc)

ASSASSINIO SULL'ORIENT EXPRESS: RELAZIONE LIBRO DI AGATHA CHRISTIE

Relazione di lettura sul libro Assassinio sull'Orient Express di Agatha Christie.

Agatha Mary Clarissa Miller nacque nel 1980 a Torquay in Inghilterra, da padre americano e madre inglese. Venne allevata dalla madre e dalla nonna perché il padre si occupava più di relazioni sociali che della famiglia.
Agata non andò mai a scuola ma fu istruita in casa. Durante la sua adolescenza e fino al matrimonio nel 1914 con Archie Christie, Agata fece, come il padre, molta vita sociale.
Il suo primo successo come scrittrice fu nel 1923 con “The murder of Roger Ackroyd”.
Dopo la morte della madre e l’abbandono del marito Agatha scomparve e per alcuni anni scrisse libri molto al di sotto dei suoi successi finché, un viaggio in treno non  le fece conoscere Leonard Wooley, che sposò nel 1930, e le diede l’ispirazione per quello che sarà il suo più grande successo: “Assassinio sull’Orient-Express”. Agatha Christie muorì il 22 gennaio 1976 all’età di 85 anni.

Assassinio sull'Orient Express: riassunto e analisi

ASSASSINIO SULL'ORIENT EXPRESS LIBRO, ANALISI

Il romanzo “Assassinio sull’Orient-Express”, è come abbiamo detto, il suo più grande successo.
L’idea per questo libro nacque , almeno in parte, dalla tragedia del bambino di Lindebergh rapito e ucciso, nonostante fosse stato pagato il riscatto.
Come abbiamo già visto, il romanzo viene scritto durante prima metà del ‘900 ossia, più precisamente, nel 1933.
Questi i principali avvenimenti del periodo in Italia ed in Europa:
•    29 luglio 1900 viene assassinato Umberto I di Savoia, gli succede sul  trono Vittorio Emanuele III. Il presidente del consiglio, Giovanni Giolitti, vara una serie di riforme destinate a migliorare le condizioni dei lavoratori. Le industrie hanno un forte sviluppo grazie all’utilizzo dell’ energia elettrica e nasce in Italia la necessità di espandere i suoi possedimenti (colonialismo).
•    Giugno 1912 al temine di un anno di guerra, culminato con la firma del “trattato di Losanna”, l’Italia annette la Libia e il Dodecanneso.
•    1912-1913 hanno luogo le due “guerre balcaniche” che terminano con l’espansione della Grecia e della Serbia e con la perdita, da parte della Turchia, di tutte le colonie in Europa.
•    1914-1918 dall’assassinio del Arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono d’Austria-Ungheria, nasce uno dei più sanguinosi conflitti della storia: la prima “Guerra Mondiale”.
•    4 novembre 1918 l’Austria firma l’armistizio, è la fine del primo “Conflitto Mondiale”.
•    1921 fondazione del “Partito Fascista” da parte di Benito Mussolini.
•    28 ottobre 1922 Mussolini ordina la “Marcia su Roma” il re, invece di contrattaccare, lo chiama al governo.
•    1925 Mussolini trasforma il governo in una dittatura e crea, per sostenerla, una milizia di partito.
•    11 febbraio 1929 Mussolini raggiunge il “Concordato” con la Chiesa.
•    1935-1936 guerra italo-etiopica
•    9 maggio 1936 dopo la vittoria in Etiopia , Mussolini dichiara la fondazione dell’impero e il re d’Italia assume il titolo d’Imperatore d’Etiopia.
Nella traduzione italiana del 1935  la censura fascista modifica il nome e la nazionalità di due dei personaggi: la “vittima”, l’efferato criminale Cassetti, diventa O’Hara, mentre il viaggiatore di commercio Antonio Foscarelli  viene ribattezzato Manuel Pereira di nazionalità brasiliana.

ASSASSINIO SULL'ORIENT EXPRESS: TRAMA BREVE

RIASSUNTO. L’investigatore Hercule Poirot, dopo aver risolto un caso riguardante l’esercito francese, sta ritornando a Londra a bordo dell’Orient-Express.
Durante la prima notte sul treno, viene ucciso Samuel Edward Ratchett, milionario americano. L’uomo è stato pugnalato ben dodici volte nella sua cabina: il mistero è fitto! Tranne il segretario, il signor Macueen, e il cameriere, il signor Masterman, nessuno conosceva Ratchet quindi non poteva avere alcun interesse ad ucciderlo.
I passeggeri dell’Orient-Express sono fra i più vari: oltre a Poirot, al suo amico Bouc, al dottor Constantine e ai due dipendenti di Ratchett, viaggiano il colonnello inglese Arbuthnot, Mary Debenham, un istitutrice anch’essa inglese, l’anziana principessa russa Natalia Dragomiroff, Hildegard Schmidt, cameriera della principessa, il conte e la contessa Andrenyj, Martha Hubbard, una turista americana, Greta Ohlosson, una missionaria svedese, Antonio Foscarelli, viaggiatore di commercio italiano, l’americano Cyrus Hardman, anche lui viaggiatore di commercio e Pierre Michel, l’addetto al vagone letto Istanbul-Calais luogo dell’omicidio.