Il signore delle mosche di William Golding

Appunto inviato da missbabydj
/5

Breve analisi del celebre testo dell'autore britannico (3 pagine formato doc)

Autore: William Golding (nato in Cornovaglia nel 1911, morto nel 1993)

Anno produzione: I edizione 1954

Genere: romanzo psicologico

Sintesi ed Episodi più significativi: In questo romanzo si racconta di un gruppo di ragazzini, i quali erano su un aereo per scappare da un immaginario conflitto planetario.
I ragazzi cercano subito di organizzarsi imitando le regole dei grandi, mutando un paradiso terrestre in un posto infernale. I bambini inoltre devono eleggere un capo, Ralph, cacciare per trovare il cibo (eleggono Jack come capo dei cacciatori), inventare delle leggi da seguire. Ralph cerca di imitare un "governo" democratico, però ai bambini non interessa seguire le sue leggi e i suoi comandi e giocano tutto il giorno.


A poco a poco Jack con i suoi cacciatori distrugge il potere di Ralph che iniziano così a terrorizzare tutti gli altri ragazzini. Jack uccide un maiale e gli stacca la testa attaccandola ad un palo chiamandola: "Il Signore delle Mosche" poiché circondata da mosche e insetti. Questa testa rivelerà a Simone, amico e consigliere di Ralph, sofferente d'allucinazioni, gli rivelerà che non l'avrebbero mai sconfitta. A questo punto ogni forma di civiltà rimasta ai bambini sparisce; i due gruppi capeggiati da Ralph e da Jack ormai convivono guerreggiando.

In questo conflitto muoiono due bimbi, Simone e Piggy (primo personaggio che conoscerà Ralph), il primo massacrato dai calci dei rivali, il secondo gettato giù da un dirupo. Alla fine Ralph si vede in pericolo e decide di scappare per la foresta, così Jack ordina di cercarlo, ma non trovandolo, in un momento di follia ordina di appiccare fuoco all'isola in modo da scovare il capo rivale e ucciderlo. Ma, quando ormai Ralph va in contro alla sua terribile fine, s'imbatte in un ufficiale della marina giunto nell'isola per salvarli.

Luoghi: La vicenda si svolge in un'isola inabitata la quale è costituita soprattutto da una foresta intricata e piena frutti e maiali.