Il fu Mattia Pascal

Appunto inviato da raffyna92
/5

Analisi molto dettagliata del libro, con personaggi, trama, commento, stile, temi, luogo e tempo (9 pagine formato pdf)

Personaggi principali:


 Mattia Pascal:
si definisce da giovane con una faccia placida e stizzosa.
Ha un occhio e strabico, e per questo per molto tempo fu obbligato a
portare gli occhiali nel tentativo di raddrizzarlo, fino a quando li rifiutò lui
stesso.
Possiede da sempre una buona salute. Raggiunta una certa età, gli
crebbe in volto un “barbone rossastro e ricciuto”, ad accompagnare un naso
piuttosto piccolo ed una fronte spaziosa e grave.


 Mattia Pascal, alias Adriano Meis: nuova identità assunta dal
protagonista dopo che, al suo ritorno da Montecarlo, scopre come il
cadavere di un suicida ritrovato nella sua vecchia proprietà sia stato
scambiato per il suo. La nuova identità di Mattia si differenzia sia per
l’apparenza esteriore, sia per la storia della sua vita che egli si “ri”costruisce:
Adriano Meis presenta una barba molto corta, che evidenzia il mento
appuntito, i capelli lunghi che ricadono sulla fronte e dei grandi occhiali
colorati che nascondono in parte l’occhio strabico; figlio di genitori emigrati,
poi morti, si immagina allevato dal nonno.
Nel creare questa nuova identità,
il protagonista si accorgere di come niente possa essere creato dal nulla, ma
di come ogni più piccolo particolare della sua nuova personalità provenga
da altre persone, desideri nascosti, o da ispirazioni improvvise dettate da
eventi occasionali. Durante il suo soggiorno a Roma si innamora della figlia
del suo padrone di casa, Adriana Paleari.


 Roberto Pascal: fratello di Mattia. Come lui, da ragazzo conduce una
vita da “scioperato”, senza occuparsi dell’istruzione e del risparmio. Al
contrario del fratello, però, si presenta di bell’aspetto: bello di volto e di
corpo, ne è pienamente consapevole, e passa il tempo a pavoneggiarsi