Addio Miss Marple: trama

Appunto inviato da ripetizionionline
/5

Trama dettagliata del romanzo giallo scritto da Agatha Christie e pubblicato dopo la sua morte (2 pagine formato doc)

ADDIO MISS MARPLE: TRAMA

Addio miss Marple di Agatha Christie.

L’ultima avventura di miss Marple, è un delitto commesso diciotto anni prima. Miss Marple indaga con Giles e Gwenda Reed, sposati da poco, acquistano una villa vittoriana chiamata “Hillside” nella cittadina di Dilmouth. Gwenda ha la sensazione di essere già vissuta in quella casa, tre incidenti la lasciano perplessa: il sentiero nel giardino di cui aveva intuito l’esistenza benché non fosse più visibile, una porta murata, una tappezzeria che aveva immaginato nei minimi particolari senza mai averla vista, e infine Helen, stesa per terra morta aveva i capelli biondi e la faccia bluastra: era stata strangolata.
Vedeva le sue mani grinzose che stringevano il suo piccolo collo, ma chi era Helen? Dopo varie ricerche scoprono che Helen non è solo un frutto della sua immaginazione, ma che è esistita veramente. Viveva a Dilmouth, il suo cognome era Kennedy, con il fratellastro: il dottor James Kennedy, che nutriva per lei un amore non solo fraterno. Per sfuggire a quella situazione infelice decise di sposare Walter Fane, un avvocato che viveva in India. Allora parte e durante il viaggio conosce il maggiore James Kevin Hallidai, vedovo con una bimba di tre anni.(il padre di Gwenda), si sposano e vivono a Hillside l’ attuale casa di Gwenda.

Tre topolini ciechi di Agatha Christie: trama e commento

LE INDAGINI DI MISS MARPLE: TRAMA

Dopo varie ricerche, sorgono alcune voci, che affermano che l’assasino di Helen sarebbe stato il maggiore, che per colpa di questa ipotesi impazzisce, finisce in una clinica e li si ucciderà poco tempo dopo. Altri invece dicevano che era scappata con un altro uomo. Adesso le domande che sorgevano erano che fine avesse fatto Helen, chi l’aveva uccisa chi era l’assasino, o se era fuggita con chi viveva e dove? Su questo groviglio farà luce Miss Marple. Ricostruire il delitto, era la massima aspirazione della detective. E per giungere a questo non si deve fare altro che riunire i fatti alla rinfusa per poi disporli nell’ordine logico. L’astuta detective, scopre che Helen è stata assassinata realmente. A questo punto spiega a Gwenda e Giles come è arrivata a questa conclusione: l’assasino di Helen non è il maggiore come tutti pensavano, ma è il fratellastro, che pazzamente innamorato di lei non può vederla sposata con un altro uomo. Il delitto che si può giudicare quasi perfetto avviene così: il fratello si reca a casa della sorella ha i guanti da chirurgo, aggredisce Helen nell’anticamera e la strangola, (pensa che nessuno l’abbia visto, ma si sbaglia, la cameriera Lily vede tutta la scena e diciotto anni dopo lo ricatta, e lui la uccide) trasporta il cadavere nella sua camera da letto, riempie una valigia di abiti, scrive un biglietto per il maggiore, nel quale Helen dice che fugge con il suo amante.