Analisi dei racconti di Edgar Allan Poe

Appunto inviato da saimonsystem
/5

Analisi di alcuni testi del celebre scrittore Edgar Allan Poe (2 pagine formato doc)

ANALISI DEI RACCONTI DI EDGAR ALLAN POE

AUTORE: Edgar Allan Poe
TITOLO DEL RACCONTO: Il gatto nero
PERIODO IN CUI E' VISSUTO L'AUTORE: 1809-1849
NAZIONALITA' AUTORE: Americana Edgar Allan Poe è considerato uno degli inventori e dei massimi interpreti del genere “Horror”, i temi del mistero, della paura e della follia, nutriti di ricorrenti ossessioni personali, danno origine a testi di alta qualità letteraria.

I suoi racconti sono congegni narrativi calcolati in ogni elemento per trasmettere al lettore l'inquietudine profonda che i personaggi provano di fronte alla rivelazione dell'ignoto.
Il gatto nero (1843) è giustamente uno dei più celebri: un uomo felicemente sposato, che ha sempre amato gli animali, racconta di come sia caduto vittima di un'inspiegabile follia che l'ha spinto a commettere atroci atti di violenza. Il testo colpisce per la capacità dello scrittore di far sprigionare l'orrore da ambienti e situazioni in apparenza del tutto normali: la narrazione in prima persona del protagonista aumenta l'efficacia. Edgar Allan Poe, (Boston 1809 - Baltimora 1849), scrittore, poeta e critico letterario statunitense.

Il pozzo e il pendolo di Edgar Allan Poe: scheda libro


I RACCONTI DEL TERRORE EDGAR ALLAN POE: RIASSUNTO

Figlio di attori girovaghi, rimase orfano in tenera età e fu allevato da un ricco commerciante della Virginia, che lo portò con sé in Inghilterra. Qui iniziò gli studi, che proseguì poi negli Stati Uniti, dove tornò nel 1820. Nel 1827, per aver contratto pesanti debiti di gioco fu costretto dal tutore ad abbandonare gli studi e a cominciare a lavorare. Insofferente al lavoro impiegatizio, si trasferì a Boston, dove pubblicò anonimamente il suo primo libro, Tamerlano e altre poesie (1827). Servì poi per due anni nell'esercito statunitense e nel 1829 diede alle stampe il secondo volume di poesie, Al Aaraaf. Riconciliatosi col tutore, entrò all'accademia militare di West Point, dalla quale tuttavia fu espulso dopo pochi mesi per cattiva condotta, e in seguito a questo nuovo episodio fu ripudiato definitivamente dal tutore. Il terzo volume di liriche, Poesie, apparve nel 1831. Stabilitosi a Baltimora l'anno seguente, Poe scrisse Manoscritto trovato in una bottiglia, col quale vinse il concorso indetto dalla rivista "Baltimore Saturday Visitor", e collaborò a diversi periodici.

Edgar Allan Poe, I racconti del terrore: riassunto


EDGAR ALLAN POE RACCONTI DEL TERRORE

Dopo la lunga malattia e poi la morte, nel 1847, della moglie Virginia, anche Poe si ammalò; alla sua scomparsa prematura contribuirono con tutta probabilità l'abuso di alcol e droghe. Pervasa, come la sua narrativa, di temi inquietanti, la produzione poetica di Poe è caratterizzata da un uso sapiente della costruzione e del metro e rivela l'influenza di autori inglesi quali Milton, Keats, Shelley, Coleridge e dell'interesse tipicamente romantico per l'occulto e il satanico. Significative del suo stile e dei suoi motivi ispiratori sono le poesie della raccolta Il corvo (1845), che mescola malinconia e presagi di morte. Nel corso della sua attività editoriale, Poe scrisse numerose recensioni e un vasto corpus di critica letteraria. I suoi saggi divennero celebri per il tono arguto e sarcastico, e ancora oggi meritano un posto di primo piano nel panorama della critica statunitense. Quelli sulla natura della narrativa e, in particolare, sulla struttura del racconto hanno influenzato a lungo autori statunitensi ed europei. Chiude cronologicamente la sua produzione saggistica la cosmogonia poetica Eureka, saggio sull'universo materiale e spirituale (1848).