La ragazza di Bube: recensione e analisi

Appunto inviato da 29piccola87
/5

La ragazza di Bube di Carlo Cassola: recensione e analisi dei personaggi e del paesaggio (3 pagine formato doc)

LA RAGAZZA DI BUBE: RECENSIONE

Carlo CassolaLa ragazza di Bube.

Carlo Cassola, scrittore ed ex-partigiano, dopo aver composto entusiasmanti romanzi influenzati fortemente dall’esperienza politica, propone con “La ragazza di Bube” un’opera in cui gli ideali della Resistenza vanno eclissandosi e a loro posto si fa luce un amaro senso di tradimento e di crisi. Partecipe attivo della guerra civile e dei suoi effetti nefasti, lo scrittore sviluppa la sua tematica non in modo crudo e realistico o con una forte critica, bensì la intreccia ad una vicenda coinvolgente dai toni dolci e commoventi, una storia di un amore alimentato da sentimento e senso del dovere: ne scaturisce quindi un effetto piacevole ed equilibrato che lascia sfuggire qualche cenno d’insegnamento.
Ritratto di una nazione vinta, il clima che si cala sulla vicenda pare estremamente triste; i fratelli maggiori non hanno che da badare ai più piccoli e osservare dalla finestra il corso della storia, incontrare amici nascondendosi in luoghi angusti come sottoscala e orti dispersi e discorrere dandosi del lei.

La ragazza di Bube: personaggi e riassunto

LA RAGAZZA DI BUBE: PERSONAGGI

Dal successo insperato, infatti, il racconto si inscrive nella situazione dell’Italia tra il 1944 e il 1948, quando ormai, scaldati dall’entusiasmo di un possibile futuro repubblicano, si pensa solo alla gloria, senza rendersi conto di non possedere i mezzi per mantenere l’ordine; le tensioni sociali, d’altra parte, sono ancora numerose e non di rado sfociano in scontri violenti. Proprio un evento simile è l’input che rompe l’equilibrio iniziale e libera la vicenda; Bube, un ragazzo partigiano, dopo aver incontrato e essersi innamorato della sorella del suo più caro compagno morto di recente, si trova a puntar la rivoltella contro un maresciallo fascista per vendicare l’amico ucciso. Accecato dall’orgoglio a stimolato dalla sua fama, compie la sciocchezza e sparge sangue, divenendo così un debitore della giustizia; la coscienza sporca gli grava alle spalle e lo tormenta ma, sul subito, non può che scappare e lo fa con Mara, divenuta la sua ragazza.

La ragazza di Bube: riassunto e analisi

LA RAGAZZA DI BUBE: PERSONAGGI SECONDARI

Arrivato al punto di un poter più restare entro i confini, si trova costretto ad abbandonarla, fuggendo in Francia, con una fiduciosa speranza in un’amnistia, ma ben presto, mentre nel suo paese era stato avviato il processo, fu espulso anche dal quel paese e, giunto alla frontiera, arrestato. Nel frattempo, Mara, angosciata dalla situazione e dal clima nel suo paese, era stata assunta da una famiglia in un paese vicino, come donna a servizio e aveva conosciuto Stefano; il ragazzo, colto e gentile, le fa perdere la testa, ma il senso del dovere e il pudore di rimanere accanto a Bube, solo con il suo stupido errore che pesa sulle spalle, prevale e, nel corso del processo, sarà lei a prendere parola e chiedere la pietà per un ragazzo che ha commesso una sciocchezza ancora giovane, assetato di giustizia e intrappolato in un ruolo di “Vendicatore”. I giudici seguono il codice, non i sentimenti e condannano il ragazzo a quattordici anni di prigione.