Il giorno della civetta: riassunto breve

Appunto inviato da passarox
/5

riassunto breve del romanzo di Sciascia "Il giorno della civetta". Rapporto fabula-intreccio, gli stili del racconto, la focalizzazzione e il narratore, Il sistema dei personaggi (5 pagine formato doc)

Il giorno della civetta: riassunto breve - In Sicilia, in un paese non precisato, intorno agli anni Cinquanta, viene assassinato Colasberna, il presidente di una piccola cooperativa edilizia, mentre sta per prendere, come al solito, l'autobus.

L'indagine,che subito incontra ingenti difficoltà dovuta all'omerta(intesa come il rifiuto di collaborare)dei cittadini(infatti il controllore e l'autista dell'autobus affermano di non aver sentito e udito nullo e,inoltre, tutti i testimoni, hanno gia abbandonato il luogo del delitto) viene affidata al capitano dei carabinieri Bellodi, emiliano ed ex partigiano, un uomo che crede nei valori di una società democratica e moderna, contro l'immobilità di un mondo di vecchi interessi costituiti.

Il giorno della civetta: riassunto

A questo punto vengono interrogati il fratello di colasberna e i soci del morto che, contrariamente alle loro convinzioni, si trovano di fronte ad un commissario molto intelligente, già penetrato fino in fondo ai segreti della Sicilia, capace di ricostruire con chiarezza e lucidità il meccanismo del delitto e le sue motivazioni.
In questa ricostruzione Sciascia descrive attraverso Bellodi gli interessi della Mafia in ambito edilizio ed i meccanismi con cui esercitava e manteneva il potere La narrazione si muove su due piani: quello dell'inchiesta che l'ufficiale conduce su una catena di delitti di mafia; e quello delle complicità(di uomini politici molto importanti, strettemente legati con la mafia), più o meno potenti, più o meno segrete, che scattano a fermarla e ad annientare i risultati positivi.

Il giorno della civetta: commento e trama

In seguito compare un nuovo personaggio, un confidente, che darà la possibilità al capitano di provare giuridicamente le sue supposizioni. Parrinieddu, questo il soprannome del confidente, è il personaggio più ambiguo del romanzo: egli vive assediato dalla paura: egli é costretto dalle circostanze a convivere con la Mafia e con lo Stato, cercando di cavarsela tra queste due realtà inevitabili;