Il giovane Holden: scheda libro

Appunto inviato da lovesheva Voto 5

Recensione de "Il Giovane Holden" di J.D. Salinger. Autore: Jerome David Salinger (1919 - ?); Titolo originale: The Catcher in the Rye; Pubblicato nel 1951; Traduzione italiana di Adriana Motti (5 pagine formato doc)

Untitled Giornalino della scuola Il giovane Holden Autore: Jerome David Salinger (1919 - ?) Titolo originale: The Catcher in the Rye Pubblicato nel 1951 Traduzione italiana di Adriana Motti Holden Caulfield, un sedicenne americano, sta trascorrendo gli ultimi giorni nell'Istituto superiore di Pencey, in Pennsylvania, da dove è stato espulso, in quanto aveva fatto fiasco in quattro materie e non si applicava e le solite storie (pag.
6 v. 6). Mentre la maggior parte degli studenti sta assistendo ad una partita di rugby, Holden decide di andare a salutare il suo professore di storia, il vecchio Spencer. La sera Holden, dopo essere uscito con due ragazzi dell'istituto, aspetta il ritorno del suo compagno di stanza, Stradlater, che è uscito con la migliore amica di Holden, Jane Gallagher.
Holden prova per la ragazza un forte sentimento. Quando Stradlater dice vagamente di averla stantuffata (pag. 49 v. 30), i due iniziano a picchiarsi. Holden ha la peggio e decide allora di andarsene subito dalla scuola, restando in albergo a New York fino a quando i suoi genitori non avrebbero saputo dell'espulsione dalla scuola. Holden è infatti cosciente dell'amarezza che procurerà ai suoi genitori quando lo scopriranno. Prende allora il primo treno per New York e si stabilisce all'Edmont, un albergo economico, ma pieno di pervertiti e di sudicioni (pag. 70 v. 11). Decide poi di uscire; dopo aver preso un aperitivo con tre ragazze in una sala dell'albergo e dopo essere stato in un locale nel quale andava sempre con suo fratello maggiore D.B. , vive una brutta avventura con una prostituta e il suo protettore, da cui viene picchiato. Successivamente Holden telefona a una sua vecchia amica, Sally, e fissa un appuntamento con lei. Aspettando che arrivi l'orario dell'incontro, Holden compra un disco per la sua sorellina Phoebe, a cui è molto legato. Incontra poi Sally, con la quale si sfoga; i due finiscono per litigare e Holden se ne va. Per non passare la serata da solo, chiama Carl Luce, un ragazzo che aveva incontrato a Whooton. Holden e Luce vanno a prendere un aperitivo ma Carl ad un certo punto se ne deve andare e lascia Holden da solo. Il sedicenne continua a bere, finché non si ubriaca. Passa poi da Central Park, dove gli cade il disco per Phoebe. Si ruppe in cinquanta pezzi a dir poco (pag. 176 v. 35). Holden decide allora di passare a casa per salutare la sorellina. Phoebe è contentissima di rivedere il fratello, ma intuisce presto che è stato espulso nuovamente dalla scuola. Al ritorno dei genitori, Holden scappa e Phoebe per aiutarlo gli presta dei soldi. Holden passa poi la notte da un suo ex professore, il migliore che abbia mai avuto: il professor Antolini. Il ragazzo scappa però all'alba, poiché si sveglia mentre il professore gli stava accarezzando la testa. Holden decide allora di andarsene da tutto e da tutti. Avrebbe detto addio solo alla sorellina. Ma anche in questo caso la vecchia Phoebe si riconfermerà figura di riferimento per il giovane Holde