"il piacere" D'Annunzio: scheda libro

Appunto inviato da carlottamarta
/5

Gabriele D’annunzio (Pescara 1863- Gardone 1938); trama; personaggi; ambientazione;narrazione; commento. (3 pagine formato doc)

GABRIELE D'ANNUNZIO (Pescara 1863- Gardone 1938) Scrittore, massimo esponente del decadentismo italiano.
Alunno del collegio Cicognini di Prato, si trasferì a Roma nel 1881, conquistando il bel mondo dei salotti e delle lettere. Diedero eccezionale risalto alla sua personalità la facilità di assimilazione delle più varie esperienze letterarie, l'estetismo raffinato, gli amori tempestosi, la vita principesca nella villa della Capponcina presso Settignano. Stabilitosi in Francia nel 1910, visse soprattutto ad Arcachon, dove scrisse il dramma Le martyre de Saint Sébastien per la musica di C.Debussy. Nel 1915 condusse un'intensa propaganda interventista; si arruolò volontario e organizzò la beffa di Buccali, il volo su Vienna, la marcia di Ronchi e l'occupazione di Fiume.
Dal 1920 visse ritirato in una villa sul Garda da lui chiamata il Vittoriane; nel 1924 fu creato principe di Montenevoso; dal dicembre 1937 fu, per pochi mesi, presidente dell'Accademia d'Italia. Della vasta produzione, segnata dal mito del superuomo e dalla sensualità fantasiosa del linguaggio, siricordano: in poesia, Canto novo e i 4 libri delle Laudi; in prosa, le Novelle della Pescara, i romanzi Il piacere, L'innocente, Il fuoco, Forse che sì forse che no, le prose autobiografiche Notturno, Le faville del maglio; le tragedie La città morta, Francesca da Rimini, La figlia di Jorio, La fiaccola sotto il moggio, La nave, Fedra. TRAMA La vicenda è ambientata in una Roma di lusso, tra papale e umbertina. Protagonista è il conte Andrea Sperelli, poeta, pittore e musicista dilettante, ma soprattutto raffinato artefice di piacere. Egli ha stabilito la sua dimora nel palazzo Zuccai a Trinità de' Monti, passa le sue giornate tra occupazioni mondane, si circonda di persone eleganti e di oggetti preziosi. Andrea è però tormentato dal ricordo di una relazione complicata e sensuale con l'enigmatica Elena Muti, bruscamente bloccata dall'improvvisa partenza della donna da Roma. Dopo un breve periodo d'isolamento, egli si tuffa in una serie di nuove avventure, finché un rivale geloso lo sfida a duello e lo ferisce. Si abbandona allora a una convalescenza “purificatrice” nella villa di una ricca cugina, a Schifanoia. Qui egli conosce una creatura casta e sensibile, Maria Ferres, moglie d'un ministro del Guatemala: per lei s'illude di nutrire un amore spirituale, ma presto il loro rapporto s'intorbida e nel contatto con Maria egli non cerca che di riprodurre le sensazioni già provate con Elena, sovrapponendo così le immagini delle due donne. Quando, al culmine di un amplesso, Andrea si lascia sfuggire il nome dell'antica amante, Maria fugge inorridita. PERSONAGGI Il protagonista: il protagonista della storia è Andrea Sperelli. Da piccolo ha vissuto la separazione dei genitori, con la madre che ha preferito seguire l'amante piuttosto che occuparsi di lui. È cresciuto con il padre, che ne ha incoraggiato l'amore per l'arte e l'estetica, ma anche la propensione agli amori facili e alle a