Poirot e le pietre preziose

Appunto inviato da ilariamartinelli67
/5

Scheda del libro (2 pagine formato doc)

Al Grand Hotel Metropolitan sparisce una preziosa collana di perle.
La proprietaria, la signora Opalsen, scopre del furto dopo cena, quando vuole mostrare le perle al signor Poirot, che era a cena con il fedele amico Hastings proprio nel ristorante dell’hotel. Il proprietario dell’albergo invita il signor Opalsen, Poirot e Hastings a raggiungere la signora in camera. Il signor Opalsen chiede a Poirot di occuparsi del caso, perché la polizia, arrivata subito sul luogo del furto, non è in grado di trovare il colpevole. Le maggiori sospettate risultano due: Célestine, la cameriera personale della signora Opalsen e la cameriera dell’albergo.


Célestine aveva l’ordine di non lasciare mai la stanza, quindi la cameriera dell’albergo non avrebbe potuto prendere la collana senza essere vista. Poirot incomincia a fare delle domande alla signora Opalsen e scopre che lei ha visto la collana per l’ultima volta prima di scendere per la cena.
Le cameriere nel frattempo si accusano a vicenda. Durante l’interrogatorio della polizia   Célestine dice di essersi allontanata dalla stanza solo due volte: la prima per prendere il filo per cucire, l’altra per prendere le forbici nella stanza attigua a quella della signora. Poirot le chiede di fare di nuovo quei movimenti e intanto cronometra i secondi necessari per farli. Il tempo impiegato è così poco che sarebbe stato impossibile per chiunque aprire il cassetto della toilette, tirare fuori il portagioie, prendere la collana di perle e rimettere tutto a posto. Intanto la polizia di Brighton, perquisendo le camere, trova nascosta la collana di perle sotto il materasso di Célestine, che viene quindi incolpata del furto. Solo Poirot si accorge che le perle ritrovate sono false e che Célestine è innocente. Poirot comincia ad avere dei sospetti, ma ha bisogno di prove.


Con un particolare biglietto da visita Poirot riesce a prendere le impronte digitali della cameriera e del cameriere dell’albergo e tramite un suo vecchio amico di Scotland Yard riesce a scoprire che i due erano dei ladri professionisti.