Il signore degli anelli: scheda libro

Appunto inviato da andre2110
/5

Scheda libro su Il signore degli anelli di John Ronald Reuel Tolkien: biografia dell'autore, riassunto, ambientazione, personaggi e commento (9 pagine formato doc)

IL SIGNORE DEGLI ANELLI: SCHEDA LIBRO

Scheda del libro del “Signore degli anelli”.

Indicazione bibliografica: John Ronald Reuel Tolkien, Il signore degli anelli, Londra, Bompiani, 2001, VII ed., pp XVIV, 1228. Autore:  John Ronald Reuel Tolkien nacque il 3 Gennaio 1892 a Bloemfonstein in Su-dafrica e, morto il padre, si trasferì all'età di tre anni in Inghilterra, nel vil-laggio di Sarehole presso Birmingham.
Nel 1904, dopo la morte della madre, da cui ereditò l'amore per le lingue e per le antiche leggende, il futuro scrittore fu educato dal reverendo cattolico P.
Francis Xavier Morgan. Studiò in seguito all'Exeter College d’Oxford dove, nel 1915, ottenne il titolo di "Bachelor of Arts" (approssimativamente si po-trebbe tradurre come "laureato in lettere").
Una delle sue prime opere letterarie fu un saggio sul "Beowulf", poema im-portantissimo della letteratura anglosassone. La sua carriera fu interrotta dalla prima guerra mondiale. Ritornato in patria, Tolkien divenne nel 1919 "Master of Arts" e collaborò a creare un dizionario inglese; dopo aver inse-gnato lingua e letteratura anglosassone dal 1925 al 1945, insegnò lingua e letteratura inglese fino al ritiro dall'attività didattica.
Nel 1937 scrisse "The Hobbit", prendendo spunto da alcune favole per bambini. Alcuni personaggi di quest'opera riapparirono anche nel capolavo-ro di Tolkien, "Il Signore degli Anelli", una trilogia avventurosa composta nell'arco di quattordici anni che si svolge in terre fantastiche. Quest'opera è frutto delle sue profonde conoscenze sulla letteratura anglosassone.
Un'altra opera molto importante fu "Le avventure di Tom Bombadil" pubbli-cata nel 1962; da quel momento lo scrittore cominciò a pensare di mettere in musica le molte canzoni che i suoi molteplici personaggi cantano.

Tolkien: biografia in inglese

IL SIGNORE DEGLI ANELLI RIASSUNTO LIBRO

Riassunto: Quello degli Hobbit è un popolo pacifico, allegro e spensierato abitante nella terra di Mezzo, in un luogo chiamato: “Contea”. Nonostante le loro dimen-sioni piuttosto basse ancor di più di quelle dei Nani, gli Hobbit sono sagaci e tenaci; adatti soprattutto al lavoro manuale e, in caso di necessità, sanno diventare abili “guerrieri”. Entità di particolare spicco nella Contea è un cer-to Bilbo protagonista di diversi viaggi in terre a volte atre e lontane nelle quali ha accumulato grandi ricchezze e strani poteri con i quali grazie ad es-si è riuscito a campare fino a centouno anni. Tra i suoi innumerevoli e poco simpatici parenti Bilbo ha adottato un nipote, di nome Frodo con il quale condivide la sua casa e il suo tempo. Egli sa di tutti i misteriosi viaggi di Bil-bo, e quindi anche del potere di un anello, dal quale Bilbo non si separa mai, e che se n’è impadronito durante uno dei suoi misteriosi viaggi sot-traendolo a Gollum, il quale l’aveva a sua volta rubato ammazzandone il proprietario dopo una assai lunga storia. La storia dell’anello ha origini assai remote: l’anello furono Gli-galad ed Elendil a sconfiggere l’oscuro sire di Mordor e ad impadronirsi dell’anello, ma l’anello fu perduto nell’Anduin, da Isildur figlio d’Elendil, mentre cercava di scappare dagli orchetti tuffandosi in acqua con l’anello al dito così che non lo vedessero più solo l’anello scivo-lò e gli orchetti lo ammazzarono. Dopo molti anni, ma pur sempre in tempi remoti Gollum uccise un suo amico per prendergli quello che aveva trovato negli abissi del Grande fiume cioè l’anello. Arrivò il momento che Bilbo di notte ciecamente ci pose la mano sopra durante uno dei suoi viaggi...

IL SIGNORE DEGLI ANELLI: AMBIENTAZIONE

Tempo e Luogo della vicenda:
Tempo indeterminato luoghi fantastici e inesistenti inventati dalla fantasia dello scrittore.

IL SIGNORE DEGLI ANELLI: PERSONAGGI

Personaggi: Frodo Baggins: il protagonista di questa fantastica storia un tipo molto co-raggioso anche se senza ottime qualità è riuscito a portare a termina una missione che forse certi con più qualità di lui non ce l’avrebbero fatta; di-struggere l’anello.
Sam Gamgee: il giardiniere di Frodo una persona eccezionale, molto affe-zionato al suo padrone e non lo vorrebbe mollare mai anche lui della razza degli Hobbit.
Meriadoc Brandybuck: per gli amici Merry, compagno d’infanzia di Frodo ama mangiare bere e divertirsi come tutti gli Hobbit in fondo.
Pellegrino Tuc: detto Pipino è un animo puro ingenuo e pasticcione oltre che divertente e simpatico.
Gandalf: il saggio mago amico di Frodo e Bilbo sa qual è il bene e il male e resterà sempre dalla parte del bene. Ottimo conduttore. Ha un’ottima cultu-ra, conosce tutti i posti tutte le leggende sa decifrare tutti i linguaggi e sa fare tutti i tipi d’incantesimi.
Bilbo Baggins: zio di Frodo ha vissuto diverse avventure di cui in una ha trovato l’anello poi ha iniziato a fare lo scrittore.
Boromir: poi sfortunatamente perde la vita un tipo misterioso e difficile da capire a volte sembra uno che si sacrifica sempre e a volte ha degli scatti di pazzia.
Gimli: un nano audace che sa fare amicizia con tutti a prescindere la sua razza odiata da tutti. Forte e feroce.
Legolas: un elfo veloce e la sua specialità è l’arco e con quello ci sa proprio fare. Prima odiava Gimli poi diventarono amici per la pelle.
Aragorn: dalle origini leggendarie re delle terre del nord. Intraprendente e protegge tutti a costo della sua vita se ne è necessario.
Saruman il Bianco: mente diabolica prima un grande saggio poi un malva-gio saggio. Ne ha fate di tutti i colori per il Male.
Sauron: il Male in persona; è lui quello che ha forgiato l’Unico anello. È la leggenda del male, gli uomini senza coraggio si affidano tutti a lui, come degli schiavi ai piedi del loro padrone, e lui li sfrutta tutti per propri interes-si; come la ricerca dell’anello.
Tipo di narrazione e genere letterario: il libro è narrato in terza persona, il genere è un romanzo.
Parole inconsuete:
seco: con sé – meco: con me – plagiato: sottomesso, dipendente – lezzo: tanfo – occulta: invisibile – foschi: scuri, bui – putrida: in decomposizione.
Pagine Preferite.
Da p. 85 a p. 91: si racconta della storia dell’anello che a me piace perché nel libro è molto importante e anche perché è intrigante.

IL SIGNORE DEGLI ANELLI: COMMENTO

Commento: Agli occhi di inesperti lettori può sembrare ancora un libro per bambini con mostri e elfi, ma è un libro scritto in modo sublime che spiega e descrive bene tutti i luoghi e personaggi non a caso l’autore è Tolkien. Può sembrare pesante per il numero di pagine, quasi illimitate e rassomiglianti a quelle di un dizionario, però dopo un po’ inizia ad attrarti.